Napoli, sarà rifatta la Venere degli stracci di Pistoletto. L'artista la dona alla città


A Napoli sarà rifatta la versione monumentale della Venere degli Stracci di Pistoletto, dopo l’incendio che l’ha distrutta quest’estate. L’artista piemontese la donerà alla città. L’opera sarà di nuovo installata in piazza Municipio il 22 gennaio 2024.

La versione monumentale della Venere degli stracci di Michelangelo Pistoletto sarà rifatta dopo l’incendio che l’ha distrutta quest’estate, e l’opera verrà donata dall’artista alla città. L’opera verrà reinstallata in piazza del Municipio, nello stesso luogo dove si trovava l’opera data alle fiamme. La data da segnare in calendario è il 22 gennaio 2024: per quel giorno l’opera sarà nuovamente installata nella sua sede designata.

Alla conferenza stampa hanno preso parte il Sindaco del Comune di Napoli, Gaetano Manfredi, l’artista Michelangelo Pistoletto, il consigliere del Sindaco e curatore del progetto “Napoli Contemporanea 2023”, Vincenzo Trione e il Vicepresidente di “Altra Napoli EF”, Antonio Lucidi. “Grazie ai progetti di arte pubblica che stiamo realizzando, Napoli è sempre più un museo a cielo aperto, democratico, gratuito, fruibile da tutti”, ha detto il sindaco Gaetano Manfredi. “Anche dopo un momento difficile, la città ha dimostrato di essere capace di risollevarsi e guardare avanti. La ricostruzione dell’opera di Pistoletto rappresenta la capacità della città di rigenerare se stessa grazie alla bellezza, all’arte e alle energie positive dei suoi cittadini. La nuova Venere rafforza la vocazione al contemporaneo di Napoli e si pone, dunque, all’interno di un programma più ampio che vuole essere un esempio di come costruire la città, trovando forme originali di rigenerazione urbana capaci di coinvolgere l’intera comunità, sempre nell’ottica dell’inclusione sociale senza dimenticare i fragili”.

L’evento dello scorso luglio, ha fatto sapere l’artista stesso, è stato l’elemento simbolico che lo ha ispirato nella “rigenerazione” del progetto. “Un percorso attraverso cui il dolore si è trasformato in cura. La Venere non si è annientata, ma rigenerata nel medesimo luogo”, afferma Michelangelo Pistoletto. “È accaduto un episodio di degenerazione che ha innescato dinamiche di riflessione e di confronto importanti sulle devastazioni dei giorni nostri. Per questo, il mio sentimento per Napoli è rimasto immutato: sarà una grande gioia per tutti aver trasformato la sofferenza in una nuova occasione di vitalità e rinascita”.

La futura donazione conferma, dunque, il legame di Pistoletto con la città e ribadisce la volontà dell’artista di promuovere l’arte come strumento educativo, forza propulsiva di trasformazione sociale, soprattutto nei contesti fragili.

“Un evento doloroso, drammatico, forse destinato ad entrare nei libri di storia dell’arte contemporanea del futuro”, dichiara il consigliere e curatore Vincenzo Trione, che proprio in veste di curatore si è occupato del profetto. “Dal rogo dello scorso luglio sono rimaste ferite, tracce, rovine. Michelangelo Pistoletto ha deciso di non rimuovere questo trauma, progettando una nuova “Venere degli stracci”, che tiene in sé il relitto sopravvissuto al rogo. E, insieme, ha scelto di far vivere il suo gesto oltre l’opera stessa. Donando la versione monumentale della Venere alla città di Napoli. E promuovendo un’attività di crowdfunding, per associazioni umanitarie impegnate nella cura di disagi e di devianze. Un modo per dimostrare che, talvolta, l’arte può raggiungere i propri obiettivi più profondi e politici quando vive oltre se stessa e si diffonde nella realtà, nelle nostre vite”.

A conferma del legame tra l’opera e la comunità, infatti, il Comune di Napoli aveva dato avvio ad una campagna di crowdfunding denominata Ricostruiamola! affidata all’associazione Altra Napoli EF che ha ricevuto il sostegno da parte di tanti cittadini. Tuttavia, l’artista ha deciso di ricostruire l’opera a proprie spese per poi donarla città. I fondi ricavati dalla campagna Ricostruiamola!, d’accordo con ciascun donatore, saranno quindi destinati ad associazioni con finalità sociali presenti sul territorio.

“Altra Napoli EF, raccogliendo anche l’invito del Comune di Napoli, si è resa promotrice di una raccolta fondi che ha coinvolto in primis i cittadini, e poi enti privati ed istituzioni culturali”, afferma il vicepresidente Antonio Lucidi. “In seguito alla generosa offerta del Maestro Pistoletto di donare l’opera alla città, e alla proposta di destinare le somme raccolte a due enti del Terzo Settore, Altra Napoli ha suggerito – subordinando il tutto ad un’esplicita adesione dei donatori – due significative realtà da anni impegnate a favore degli ultimi. Si tratta dell’Associazione “La Scintilla”, che opera per la tutela, l’accompagnamento, la socializzazione e la serena autonomia delle persone affette da disabilità intellettiva e della Cooperativa Sociale Lazzarelle, impegnata nel recupero, attraverso il reinserimento in qualificati progetti di lavoro, delle donne afflitte dal regime di detenzione che vogliono essere protagoniste attive del loro cambiamento”.

Napoli, sarà rifatta la Venere degli stracci di Pistoletto. L'artista la dona alla città
Napoli, sarà rifatta la Venere degli stracci di Pistoletto. L'artista la dona alla città


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020