Street art... bancaria: Fineco Bank fa realizzare un murale su un palazzo a Milano


A Milano, lo street artist Loste realizza per Fineco Bank un murale che decora la facciata di un edificio di Corso Garibaldi. Ecco i motivi dell’operazione.

Fineco Bank utilizza la street art per decorare i muri di Milano. Nasce così l’opera L’Araldo, un “art wall” di circa 200 metri quadri realizzato dallo street artist Loste sopra una parete dell’edificio al numero 81 di corso Garibaldi a Milano. L’opera nasce per Fineco Bank da una collaborazione tra MacCann Worldgroup Italia, Clear Channel Italia e Street Art In Store, brand di Galleria Prada. La banca definisce L’Araldo “un intervento artistico di qualità” e una “libera e incondizionata espressione dell’artista nell’interpretare il tema dell’Innovazione che nasce dal rapporto tra uomo e tecnologia, proposto da Fineco Bank”.

“La Street Art è diretta, forte e ha una potenza comunicativa senza pari”, spiega Loste. “Scegliere di servirsi, quindi, di un linguaggio come questo senza imporre alcun vincolo artistico, implica da parte di Fineco una grande voglia di futuro abbandonando i tradizionali canoni di comunicazione”.

L’opera vuole rappresentare, per i passanti di corso Garibaldi, un invito a fermarsi e ad ammirare i tratti di una donna dalle fattezze desunte dall’arte classica ma che al contempo è affascinata dalla luce del futuro che ci aspetta e in cui, si legge in una nota, “la simbiosi perfetta tra uomo e tecnologia saprà svelare la vera Bellezza”.

“Questi contrasti, creati ad arte, mostrano come la classicità incontra il futuro con naturalezza dando vita alla più straordinaria delle figlie, l’Innovazione”, dice l’artista. “Come in un racconto mitologico, tale unione genera una luce nuova in grado di fare da guida nel transito dal passato alla contemporaneità, luogo in cui le pagine del domani si stanno ancora scrivendo per mano delle Persone, desiderose di un miglioramento che si basi sul rispetto di tutti e che riservi un occhio di riguardo nei confronti della Natura. La tensione del corpo marmoreo, materiale connesso indissolubilmente alla terra, porge infatti tutta la sua attenzione nei confronti del pettirosso, portatore e custode di valori positivi come la speranza, l’armonia ed è il simbolo del passaggio dall’inverno all’estate. È un vero e proprio buon auspicio alato, modellato e trasformato da elementi steampunk con l’obiettivo di trasmettere un piccolo cortocircuito nella mente dei fruitori provocando un anacronismo che colpisce e affascina”.

“Quest’opera”, afferma Paolo Di Grazia, Vice Direttore Generale e Responsabile Global Business di Fineco Bank, “rientra in una più ampia iniziativa volta alla riqualificazione di una grande area nel cuore di Milano. Il nostro percorso è iniziato con il progetto Cura e adotta il verde pubblico in collaborazione con il Comune di Milano, e continua con la valorizzazione in varie forme di quest’area strategica di Milano. È un ulteriore tassello della nostra strategia che punta alla sostenibilità, non solo ambientale, ma anche culturale e artistica. Abbiamo scelto quest’opera perché apprezziamo l’interpretazione del concetto di Innovazione da parte dell’artista, che nasce dal rapporto tra uomo e tecnologia”.

L’opera di Loste rientra nel progetto di recupero di una parete dell’edificio di Corso Garibaldi 81, utilizzando l’arte per unire le persone. Obiettivo del murale è quello di sottolineare, a chi ogni giorno vedrà questa opera, la bellezza, l’impegno, la determinazione ma anche l’ispirazione che l’arte è in grado di dare alle persone. Sono questi gli obiettivi di Street Art In Store e Clear Channel Italia, che insieme hanno dato vita a questo “progetto di riqualificazione” iniziato con il primo murale in ottobre 2020 per il lancio della linea Galaxy S20FE per Samsung Italia.

Nella foto: l’opera di Loste

Street art... bancaria: Fineco Bank fa realizzare un murale su un palazzo a Milano
Street art... bancaria: Fineco Bank fa realizzare un murale su un palazzo a Milano


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma