Banksy conferma, sono suoi i murali sui migranti comparsi a Parigi lo scorso 25 giugno


Banksy, il celebre street artist di fama mondiale, ha confermato la paternità dei murali sui migranti comparsi a Parigi lo scorso 25 giugno.

Banksy ha confermato la paternità dei murali che sono comparsi a Parigi lo scorso 25 giugno, in occasione della Giornata Mondiale del rifugiato: tra gli altri, una bambina che copre una svastica con una vernice spray, un uomo che offre la sua gamba amputata a un cane, un topo che vola sopra un tappo di spumante, e una reinterpretazione del Napoleone che valica le Alpi di Jacques-Louis David (raffigurato con il volto coperto, probabile allusione alle politiche sulla copertura del volto adottate in Francia nel 2010: il tema invece probabilmente è stato scelto in riferimento al viaggio che i migranti compiono attraverso le Alpi per recarsi in Francia).

La conferma è arrivata nei giorni scorsi dall’ufficio stampa e quindi, subito dopo, lo sfuggente street artist, il cui nome è ignoto ma che è ormai diventato una star dell’arte mondiale, ha pubblicato le foto dei suoi lavori sul suo account Instagram. Banksy è sempre stato molto sensibile sul tema dei migranti, e malgrado il fenomeno sia in diminuzione rispetto agli anni passati, in Europa la paura delle migrazioni è ancora molto alta.

Banksy conferma, sono suoi i murali sui migranti comparsi a Parigi lo scorso 25 giugno
Banksy conferma, sono suoi i murali sui migranti comparsi a Parigi lo scorso 25 giugno


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER