Il manifesto delle polemiche di Marina Abramović ora diventa una tazzina da caffè che tutti possono acquistare


Il manifesto delle polemiche di Marina Abramović adesso diventa una mug: l’iniziativa è di illycaffè.

L’edizione della Barcolana 2018 rimarrà nella storia, sia per i suoi numeri da record (2.689 barche, la più partecipata di sempre: abbattuto il primato del 2017 con 2.101 imbarcazioni), sia per la polemica legata al suo manifesto, ideato da Marina Abramović. E adesso proprio quel manifesto diventa una tazzina da caffè (o, in breve, una mug), prodotta da illycaffè. La storica azienda di caffè triestina ha deciso di festeggiare così l’edizione numero 50 della Barcolana: con un’edizione speciale della mug illy Art Collection che riprende l’immagine e il messaggio scelti da Abramović per il Manifesto di Barcolana50: We are all in the same boat. Si tratta di un richiamo dell’artista che vuole sottolineare un aspetto semplice quanto cruciale: navighiamo tutti sullo stesso mare e sulla stessa Terra, che vanno custoditi e protetti giorno dopo giorno.

“Anche quest’anno”, dichiara Massimiliano Pogliani, Amministratore Delegato di illycaffè, “abbiamo voluto celebrare la Barcolana con una illy Art Collection. Lo abbiamo fatto insieme a Marina Abramović che, applicando gli schemi e il linguaggio dell’arte alla tazzina mug, ci ricorda che il pianeta è la nostra casa e come tale va salvaguardato”. La mug è già in vendita al costo di 25 euro.

Nell’immagine: la mug di Illy

Il manifesto delle polemiche di Marina Abramović ora diventa una tazzina da caffè che tutti possono acquistare
Il manifesto delle polemiche di Marina Abramović ora diventa una tazzina da caffè che tutti possono acquistare


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER