Siena, polemiche per il palio dipinto da Szymkowicz, ritenuto brutto e irrispettoso. L'arcivescovo si rifiuta di benedirlo


A Siena infuriano le polemiche per il Drappellone del Palio di Siena, dipinto da Charles Szymkowicz, ritenuto brutto e irrispettoso, tanto che l’arcivescovo si rifiuta di benedirlo

Roventi polemiche a Siena attorno all’edizione 2018 del Palio dell’Assunta, che come da tradizione si corre il 16 di agosto. A far infuriare molti senesi è stato il pittore Charles Szymkowicz (Charleroi, 1948), che ha realizzato il cosiddetto “Drappellone”, ovvero il palio che si aggiudicherà la contrada vincitrice: è tradizione che per ogni edizione del Palio di Siena venga dipinto da un artista. I senesi tuttavia non hanno apprezzato l’opera di Szymkowicz: “inguardabile”, “indegno”, “orribile”, “obbrobrio”, “crosta” sono solo alcuni degli aggettivi e dei sostantivi più... generosi che le sono stati affibbiati dagli utenti dei social. Ma la polemica ha travalicato anche i confini della rete: l’arcivescovo di Siena, Antonio Buoncristiani, nella tradizionale cerimonia dell’offerta dei ceri e dei censi del 14 agosto, si è rifiutato di benedire il Drappellone di Szymkowicz (è la prima volta che succede): “è un’opera d’arte moderna ma non rispetta i caratteri della cultura mariana e per questo benedico la città, ma non il drappellone”, ha dichiarato l’arcivescovo.

Il Drappellone di Szymkowicz ha per protagonista la Madonna, dipinta sullo sfondo del Duomo di Siena, mentre tiene tra le mani un cavallo bianco, ed è dipinta con i contorni netti e nervosi, le forme spigolose e le campiture di colore uniformi tipiche dei modi del pittore neoespressionista belga. In risposta alle critiche Szymkowicz, in un’intervista a La Nazione, ha affermato: “vorrei dire che la più grande offesa è l’indifferenza. Sono sempre stato un partigiano della libertà d’espressione, e questa è una cosa molto importante, ma penso che prima di guardare un’opera d’arte le persone debbano studiare. La pittura è un linguaggio, e dobbiamo capirlo e ragionarci sopra. Il mio palio è una lettera d’amore ai senesi, e spero che le cassette non siano tutte chiuse”.

Nei giorni che hanno preceduto la presentazione (durante la quale il Drappellone è stato anche oggetto di fischi), Szymkowicz aveva anche dichiarato, in un’intervista a SienaNews, che il suo palio era dedicato a sua figlia Sarah.

Nella foto, il Drappellone di Charles Szymkowicz

Siena, polemiche per il palio dipinto da Szymkowicz, ritenuto brutto e irrispettoso. L'arcivescovo si rifiuta di benedirlo
Siena, polemiche per il palio dipinto da Szymkowicz, ritenuto brutto e irrispettoso. L'arcivescovo si rifiuta di benedirlo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

NEWSLETTER