Restaurati dipinti di Pasolini: nascerà Pinacoteca a Casarsa della Delizia


Restaurate diciannove opere di Pier Paolo Pasolini. Nascerà una pinacoteca nel Centro Studi di Casarsa della Delizia.

Sono state restaurate diciannove opere, tra disegni a china e a tecnicamista e dipinti a tempera e a olio, realizzate da Pier Paolo Pasolini: un aspetto e un talento ancora poco noto del celebre scrittore, poeta e regista. Una passione nata all’università (fu allievo di Roberto Longhi) e lo portò a cimentarsi nella pittura negli anni giovanili e successivamente negli ultimi anni della maturità. Anche per le scenografie dei suoi film trovò ispirazione nella pittura. 

Le diciannove opere troveranno sede permanente nel Centro Studi Pasolini a Casarsa della Delizia (Pordenone). Si darà vita a una vera pinacoteca, secondo gli intenti del Centro, dove i visitatori potranno ammirare, oltre alle opere di Pasolini, una selezione di quadri di artisti friulani con i quali quest’ultimo strinse rapporti di amicizia e di collaborazione, quali  Giuseppe Zigaina, Federico De Rocco, Virgilio Tramontin, Anzil e Renzo Tubaro.

Tra le opere di Pasolini, i due grandi cartoni dipinti su entrambi i lati raffiguranti Giovani con strumenti musicali, Pantera e Due Giovani

Restaurati dipinti di Pasolini: nascerà Pinacoteca a Casarsa della Delizia
Restaurati dipinti di Pasolini: nascerà Pinacoteca a Casarsa della Delizia


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma