14mila visitatori alla Cappella della Sindone di Torino nei quattro giorni dalla riapertura


Sono stati registrati 14mila visitatori nei quattro giorni dalla riapertura della Cappella della Sindone a Torino.

Giovedì 27 settembre 2018 è stata riaperta, alla presenza del Ministro per i beni e le attività culturali Alberto Bonisoli, del Presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, della Sindaca della città di Torino Chiara Appendino, dell’Arcivescovo Cesare Nosiglia e della Direttrice dei Musei Reali Enrica Pagella, la Cappella della Sindone di Torino, capolavoro progettato da Guarino Guarini, dopo 21 anni di restauro.

Dalla riapertura sono stati registrati 14mila visitatori; per rendere l’accesso più snello e limitare code e disagi, i Musei Reali hanno potenziato il servizio di accoglienza e il pubblico, in questa occasione, ha potuto visitare l’intero complesso museale al costo di tre euro.
Il maggior numero di visitatori (5932) è stato registrato domenica 30 settembre, mentre sabato 29 sono stati venduti 4307 biglietti e venerdì 28 3707.

Soddisfatta la direttrice dei Musei Reali Enrica Pagella: "Siamo felici di questa risposta del pubblico che dimostra quanta attesa e quanto affetto circondino questo straordinario capolavoro”. 

Da martedì 2 ottobre 2018 la Cappella della Sindone entrerà a far parte del regolare percorso di visita dei Musei Reali di Torino.

Per info: https://www.museireali.beniculturali.it/

14mila visitatori alla Cappella della Sindone di Torino nei quattro giorni dalla riapertura
14mila visitatori alla Cappella della Sindone di Torino nei quattro giorni dalla riapertura


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER