Achille Lauro chiude il Festival con Elisabetta I e una storia dell'arte camp da Crivelli a Tiepolo


Achille Lauro chiude il suo Festival di Sanremo con un altro travestimento a tema artistico: per l’ultima serata della settantesima edizione del festival della canzone italiana, il cantante romano ha deciso di indossare le vesti di Elisabetta I Tudor. Sul suo account Instagram, Achille Lauro commenta così le foto in abiti elisabettiani: “Elisabetta I Tudor, vergine sposa della patria, del popolo, dell’arte e difensore della libertà. Che Dio ci benedica”. Per Achille Lauro, un altro costume targato Alessandro Michele, direttore creativo di Gucci.

Ma non è tutto: per chiudere la sua rivisitazione camp della storia dell’arte, Achille Lauro posta sul suo account Instagram anche una gallery dove compare, sempre vestito da Elisabetta I, assieme ad alcuni capolavori della storia dell’arte. Si alternano così l’Annunciazione di Carlo Crivelli alla National Gallery di Londra, la volta della Cappella Sistina affrescata da Michelangelo, l’Allegoria del merito di Giambattista Tiepolo che orna la volta della sala del trono in Ca’ Rezzonico a Venezia.

Dopo il Giotto della prima serata e la Luisa Casati della seconda, un altro omaggio storico-artistico per Achille Lauro, che ha dimostrato di essere uno dei personaggi più discussi del festival. 

Nelle immagini seguenti: Achille Lauro in posa sopra l’Annunciazione di Crivelli, la volta della Cappella Sistina e l’Allegoria del merito di Tiepolo, e di fianco al ritratto di Elisabetta I eseguito nel 1588 circa da George Gower e conservato alla National Portrait Gallery di Londra.





Achille Lauro chiude il Festival con Elisabetta I e una storia dell'arte camp da Crivelli a Tiepolo
Achille Lauro chiude il Festival con Elisabetta I e una storia dell'arte camp da Crivelli a Tiepolo


Acquista il nostro libro Cronache dal mondo dell'arte 2020
Tutto il 2020 in un libro di 430 pagine con 60 fotografie a colori, in una selezione di 60 articoli scelti dalla redazione di Finestre sull'Arte.
CLICCA QUI
PER INFORMAZIONI



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER