Addio a Christo, il grande artista che ci ha fatto camminare sulle acque, famoso per gli impacchettamenti


È scomparso a New York, all’età di 85 anni, Christo, uno dei più grandi artisti del Novecento.

È scomparso a New York, all’età di 84 anni, il grande artista Christo: a darne l’annuncio il suo staff, che ha dato comunicazione della scomparsa attraverso il sito ufficiale dell’artista e i canali social. La morte è avvenuta per cause naturali. Christo Vladimirov Javacheff era nato a Gabrovo, in Bulgaria, nel 1935, è stato uno dei più grandi nomi del nouveau realisme e insieme alla moglie Jeanne-Claude Denat de Guillebon (che era nata a Casablanca, in Marocco, nel suo stesso giorno: il 13 giugno del 1935), incontrata a Parigi nel 1958, ha dato vita a una delle coppie d’arte più celebri di tutti i tempi.

Christo aveva cominciato la sua carriera negli anni Cinquanta: dopo una laurea in filosofia all’Università di Tunisi era tornato nel paese natale, dove aveva studiato all’Accademia Nazionale d’Arte di Sofia per poi trasferirsi nel 1956 a Praga, quindi l’anno dopo a Vienna, dove trascorse sei mesi presso la locale Accademia di Belle Arti: nello stesso anno si era spostato a Ginevra prima di approdare a Parigi, nel 1958, dove come detto aveva incontrato Jeanne-Claude, che già nel 1960 gli diede il primo figlio, Cyril. Al 1961 risale il primo Progetto per edificio pubblico impacchettato, e l’anno dopo i due realizzano la prima opera assieme: Rideau de Fer, un muro di barili di petrolio alto quattro metri, eretto lungo la Senna a Parigi. 

Nel 1964, col trasferimento a New York, cominciano a progettare i loro interventi di arte ambientale (i due, infatti, si consideravano artisti ambientali): è del 1966 l’Air Package, un grosso pallone installato al Van Abbemuseum di Eindhoven, e risale allo stesso anno l’enorme 42.390 cubic feet package, un altro colossale pallone d’aria (18 metri di lunghezza per quasi 10 d’altezza) esposto in uno spazio aperto a Minneapolis (Minnesota). Nel 1968 Christo e Jeanne-Claude si recarono per la prima volta in Italia, a Spoleto: qui, in occasione del Festival dei Due Mondi impacchettarono il Fortilizio dei Mulini e la fontana di piazza del Mercato, per il progetto Wrapped fountain and wrapped medieval tower. Sempre nello stesso anno impacchettarono la Kunsthalle di Berna e portarono uno dei loro palloni d’aria alla Documenta IV di Kassel. 

Il 1968 è stato dunque l’anno della consacrazione, e di lì in avanti si susseguirono gli impacchettamenti: famosi quelli a Milano nel 1970 (che interessarono il monumento a Vittorio Emanuele II di piazza del Duomo e il monumento a Leonardo da Vinci di piazza della Scala), quello del Pont Neuf di Parigi nel 1985, e forse quello più celebre in assoluto, l’impacchettamento del Reichstag di Berlino nel 1985. Parallelamente, Christo e Jeanne-Claude portarono avanti i loro progetti d’arte ambientale: sono entrati nei manuali di storia dell’arte le Surrounded Islands (1980-1983), quando la coppia circondò di tessuto di polipropilene rosa le isole della baia di Biscayne, di fronte a Miami, e gli Ombrelli, installati in Giappone e in California. 

Nel 2016 Christo era tornato in Italia per realizzare uno dei suoi progetti più noti, amati e discussi, The Floating Piers: centomila metri quadri di tessuto giallo sistemati su blocchi galleggianti sul lago d’Iseo per collegare la cittadina di Sulzano a Monte Isola (qui un approfondimento). E poi ancora nel 2018 era stata la volta di The Mastaba, una piramide galleggiante sul lago Serpentine ad Hyde Park, a Londra.

Al momento della scomparsa, Christo lavorava al suo ultimo progetto, l’impacchettamento dell’Arco di Trionfo a Parigi, previsto per quest’anno ma rinviato al 2021 a causa dell’emergenza sanitaria per Covid-19 da coronavirus: era un sogno che l’artista bulgaro coltivava fin dagli anni Sessanta. 

Addio a Christo, il grande artista che ci ha fatto camminare sulle acque, famoso per gli impacchettamenti
Addio a Christo, il grande artista che ci ha fatto camminare sulle acque, famoso per gli impacchettamenti


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma