Umbria: Giardini, ville e rocche diventeranno quest'estate cinema all'aperto


L’Anec Umbria ha ideato per quest’estate il format Super cinema estate: giardini, ville, cortili, rocche si trasformeranno in cinema all’aperto.

Giardini, ville, cortili, rocche si trasformeranno quest’estate in cinema all’aperto: è l’iniziativa di Anec Umbria che, attraverso il format Super cinema estate, inviterà gli spettatori a vedere la ricca programmazione di film sotto le stelle e in sicurezza.
Il progetto è promosso dagli esercenti professionisti delle arene di tredici città dell’Umbria, puntando sulle proiezioni all’aperto

Secondo le disposizioni del governo, i cinema di tutta Italia hanno potuto aprire di nuovo al pubblico, dopo la chiusuta per emergenza sanitaria, dal 15 giugno. L’Umbria ha pensato di utilizzare spazi all’aperto per “incentivare di più la presenza degli spettatori, lavorando insieme e in sintonia”, come ha affermato Riccardo Bizzarri, presidente regionale Anec (Associazione nazionale esercenti cinema). 

Oltre alle tredici città coinvolte nel progetto Super cinema estate (Città di Castello, Umbertide, Bastia, Foligno, Spoleto, Todi, Marsciano, Castiglione del Lago, Trevi, Bevagna, Passignano sul Trasimeno, Paciano e Perugia), saranno previste tante altre iniziative cinematografiche in tutta la regione.

Per la prima volta i cinema della regione si sono uniti per dare vita a un’unica grande sala cinematografica all’aperto. Il tutto nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria relative al Covid-19 e con il contributo della Regione Umbria e dei rispettivi Comuni.

Nell’immagine, Castiglione del Lago

Umbria: Giardini, ville e rocche diventeranno quest'estate cinema all'aperto
Umbria: Giardini, ville e rocche diventeranno quest'estate cinema all'aperto


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER