I duecento anni del Prado. Anche il doodle di Google festeggia il bicentenario del museo


Oggi il Museo Nacional del Prado festeggia i suoi duecento anni: venne aperto al pubblico il 19 novembre 1819.  

Oggi il Museo Nacional del Prado compie duecento anni: il celebre museo madrileno infatti aprì le sue porte al pubblico il 19 novembre 1819. Sono trascorsi dunque due secoli da quando i primi visitatori ebbero la possibilità di ammirare 311 dipinti della Collezione Reale, tutti realizzati da artisti spagnoli

A quel tempo regnava Ferdinando VII di Borbone, ma l’idea di realizzare un sito museale fu della moglie Maria Isabella di Braganza, all’interno dell’edificio Villanueva che era stato progettato per volontà di Carlo III per ospitare il museo di storia naturale. 

Era possibile accedere al museo solo una volta alla settimana e solo su raccomandazione; oggi invece è aperto tutti i giorni dell’anno, tranne tre.

Venne aperto come museo reale e nel 1868 diventò Museo Nacional de Pintura y Escultura, ma il Prado è oggi patrimonio di tutti gli spagnoli. Riunisce quasi 8000 dipinti, 9000 disegni, 1000 sculture e 3500 pezzi di arte decorativa. 

Quest’anno, in occasione del bicentenario, il museo del Prado è stato insignito del prestigioso Premio della Principessa delle Asturie per la Comunicazione e l’Umanistica. 

Anche il doodle di Google celebra oggi il suo bicentenario. 

Per info sul museo: https://www.museodelprado.es/

 

I duecento anni del Prado. Anche il doodle di Google festeggia il bicentenario del museo
I duecento anni del Prado. Anche il doodle di Google festeggia il bicentenario del museo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER