Botticelli, il dipinto inglese ritenuto a lungo un falso ottocentesco potrebbe invece essere un originale


Inghilterra, un dipinto considerato a lungo un falso ottocentesco potrebbe essere in realtà prodotto della bottega di Sandro Botticelli.

Una copia un po’ maldestra della Madonna della melagrana di Sandro Botticelli (Firenze, 1445 - 1510), il grande capolavoro conservato agli Uffizi, ritenuta finora un falso ottocentesco, potrebbe essere in realtà un originale, realizzato dalla bottega del grande artista fiorentino. Ad arrivare a questa conclusione sono gli esperti dell’English Heritage, ente no-profit che si occupa di conservazione, che hanno sottoposto di recente l’opera, conservata alla Ranger’s House di Greenwich, a un intervento di restauro. Durante i lavori è stato rimosso uno strato di vernice gialla che offuscava la superficie pittorica, e sono emersi colori molto più brillanti di quanto si fosse visto finora, e analisi tecniche ai raggi X e ai raggi infrarossi hanno appurato che esiste un disegno sottostante all’opera, e hanno scoperto anche alcuni pentimenti (una rarità per una copia). Ulteriori esami sui pigmenti hanno inoltre rilevato la loro compatibilità con quelli utilizzati nella bottega di Botticelli.

Rachel Turnbull, conservatore delle collezioni dell’English Heritage, ha così potuto confermare l’autenticità dell’opera, dopo essersi confrontata con gli esperti del Victoria & Albert Museum e della National Gallery di Londra. “Poter esaminare da vicino questo dipinto per la prima volta in più di cent’anni”, ha sottolineato la studiosa parlando con il Guardian, "ci ha dato l’opportunità di gettare uno sguardo approfondito sull’opera. Ho subito notato che aveva forti somiglianze con i dipinti prodotti dalla bottega di Botticelli. Stilisticamente sembrava troppo simile per essere un’imitazione: è proprio un’opera realizzata in quel periodo, la tecnica è corretta, ed è stata eseguita su tavola di pioppo, materiale comune all’epoca.

L’opera è conservata alla Ranger’s House di Greenwich dal 1897, quando fu comprata dall’allora proprietario della villa, il magnate Julius Wernher. Il pubblico potrà vedere il dipinto a partire dal 1° aprile, quando tornerà ad essere esposto dopo la fine dell’intervento.

Nell’immagine, il dipinto attribuito alla bottega di Botticelli dall’English Heritage

Botticelli, il dipinto inglese ritenuto a lungo un falso ottocentesco potrebbe invece essere un originale
Botticelli, il dipinto inglese ritenuto a lungo un falso ottocentesco potrebbe invece essere un originale


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Tutti online i disegni dei pittori fiorentini studiati da Bernard Berenson
Tutti online i disegni dei pittori fiorentini studiati da Bernard Berenson
Picasso, ritrovato dopo vent'anni il ritratto di Dora Maar rubato nel 1999
Picasso, ritrovato dopo vent'anni il ritratto di Dora Maar rubato nel 1999
Chi comprerà l'ultimo Leonardo sul mercato? All'asta per 100 milioni il Salvator Mundi
Chi comprerà l'ultimo Leonardo sul mercato? All'asta per 100 milioni il Salvator Mundi
La Confederazione Archeologi: “in Lombardia scavi eseguiti da associazioni di volontari: illegali e lesivi dei lavoratori”
La Confederazione Archeologi: “in Lombardia scavi eseguiti da associazioni di volontari: illegali e lesivi dei lavoratori”
Coronavirus, archeologi preoccupati: “vogliamo le mascherine per lavorare, soprattutto nelle domeniche gratuite”
Coronavirus, archeologi preoccupati: “vogliamo le mascherine per lavorare, soprattutto nelle domeniche gratuite”
Il MiBAC apre alle fondazioni pubblico-private, Accademia accorpata agli Uffizi, Cenacolo Vinciano a Brera
Il MiBAC apre alle fondazioni pubblico-private, Accademia accorpata agli Uffizi, Cenacolo Vinciano a Brera