Caravaggio dal MART torna a Siracusa. Sgarbi: “ora è in pericolo. Ma tornerà in Trentino”


La santa Lucia di Caravaggio lascia Rovereto e torna a Siracusa, ma Vittorio Sgarbi ravviva la polemica: ’i cretini invece di ringraziare insultano. Ora il quadro è in pericolo’. E annuncia che tornerà in Trentino.

È una ripartenza con qualche frecciata quella del Seppellimento di santa Lucia di Caravaggio, l’opera conservata a Siracusa che da inizio ottobre si trovava in mostra al Mart di Rovereto, dove è arrivata dopo un’estate di feroci polemiche, e con molti che, in Sicilia, hanno tentato fino all’ultimo di impedire che l’opera partisse. Adesso, come previsto, l’opera (che è di proprietà del Fec, Fondo edifici di culto del ministero dell’Interno) torna a Siracusa, e Sgarbi vuole però togliersi qualche sassolino dalla scarpa.

“Si affacciano sulla scala gli ultimi cretini”, ha dichiarato Vittorio Sgarbi, presidente del Mart e curatore della mostra. “Invece di ringraziare chi gli ha riparato il dipinto di Caravaggio e con grande puntualità lo ha riportato nella chiesa della Borgata, continuano a insultare, impotenti e imbecilli, cercando di andare su quella cronaca che li ignora. Ho provato soltanto pietà e ho voluto dar loro, falsari e bugiardi, un ultimo schiaffo. Nella notte, sotto la pioggia, ho accompagnato il dipinto del Seppellimento di Santa Lucia nel macabro rito del suo trasporto. L’ho fatto salire su un camion e l’ho visto partire. Spero di non sentire più la voce stridula di chi per Caravaggio non ha fatto niente. La santa a Rovereto è stata benissimo. Adesso è in pericolo”.

Sgarbi ha però anticipato anche un possibile ritorno dell’opera in Trentino, con alcune dichiarazioni apertamente provocatorie: “Questo non è un addio, è un arrivederci: il dipinto parte giustamente per andare alla festa, poi non avendo più nessuna buona ragione per rimanere a Siracusa circondato di sguardi minacciosi, spererà di tornare in luoghi più ameni, e quindi credo che in gennaio lo avremo di nuovo qui a Rovereto. Un ritorno quindi. Intanto lo mandiamo a festeggiare i santi, santa Lucia, e poi anche il Natale, tutte feste proibite: quindi è un quadro che parte per destinazioni proibite. E invece qui ha trovato il suo paradiso. A Siracusa ha vissuto lunghi anni di attesa, e ha trovato finalmente in Trentino la sua resurrezione. Qui santa Lucia è risorta”.

Nella foto, Sgarbi davanti all’opera di Caravaggio al Mart

Caravaggio dal MART torna a Siracusa. Sgarbi: “ora è in pericolo. Ma tornerà in Trentino”
Caravaggio dal MART torna a Siracusa. Sgarbi: “ora è in pericolo. Ma tornerà in Trentino”


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma