Caravaggio dal MART torna a Siracusa. Sgarbi: “ora è in pericolo. Ma tornerà in Trentino”


La santa Lucia di Caravaggio lascia Rovereto e torna a Siracusa, ma Vittorio Sgarbi ravviva la polemica: ’i cretini invece di ringraziare insultano. Ora il quadro è in pericolo’. E annuncia che tornerà in Trentino.

È una ripartenza con qualche frecciata quella del Seppellimento di santa Lucia di Caravaggio, l’opera conservata a Siracusa che da inizio ottobre si trovava in mostra al Mart di Rovereto, dove è arrivata dopo un’estate di feroci polemiche, e con molti che, in Sicilia, hanno tentato fino all’ultimo di impedire che l’opera partisse. Adesso, come previsto, l’opera (che è di proprietà del Fec, Fondo edifici di culto del ministero dell’Interno) torna a Siracusa, e Sgarbi vuole però togliersi qualche sassolino dalla scarpa.

“Si affacciano sulla scala gli ultimi cretini”, ha dichiarato Vittorio Sgarbi, presidente del Mart e curatore della mostra. “Invece di ringraziare chi gli ha riparato il dipinto di Caravaggio e con grande puntualità lo ha riportato nella chiesa della Borgata, continuano a insultare, impotenti e imbecilli, cercando di andare su quella cronaca che li ignora. Ho provato soltanto pietà e ho voluto dar loro, falsari e bugiardi, un ultimo schiaffo. Nella notte, sotto la pioggia, ho accompagnato il dipinto del Seppellimento di Santa Lucia nel macabro rito del suo trasporto. L’ho fatto salire su un camion e l’ho visto partire. Spero di non sentire più la voce stridula di chi per Caravaggio non ha fatto niente. La santa a Rovereto è stata benissimo. Adesso è in pericolo”.

Sgarbi ha però anticipato anche un possibile ritorno dell’opera in Trentino, con alcune dichiarazioni apertamente provocatorie: “Questo non è un addio, è un arrivederci: il dipinto parte giustamente per andare alla festa, poi non avendo più nessuna buona ragione per rimanere a Siracusa circondato di sguardi minacciosi, spererà di tornare in luoghi più ameni, e quindi credo che in gennaio lo avremo di nuovo qui a Rovereto. Un ritorno quindi. Intanto lo mandiamo a festeggiare i santi, santa Lucia, e poi anche il Natale, tutte feste proibite: quindi è un quadro che parte per destinazioni proibite. E invece qui ha trovato il suo paradiso. A Siracusa ha vissuto lunghi anni di attesa, e ha trovato finalmente in Trentino la sua resurrezione. Qui santa Lucia è risorta”.

Nella foto, Sgarbi davanti all’opera di Caravaggio al Mart

Caravaggio dal MART torna a Siracusa. Sgarbi: “ora è in pericolo. Ma tornerà in Trentino”
Caravaggio dal MART torna a Siracusa. Sgarbi: “ora è in pericolo. Ma tornerà in Trentino”


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma