A Castelfiorentino, Toscana, è in vendita il Castello di Oliveto, attribuito a Brunelleschi


A Castelfiorentino, vicino Firenze, è in vendita il Castello di Oliveto, il cui progetto è stato attribuito a Filippo Brunelleschi.

È in vendita, nel territorio di Castelfiorentino, in Toscana, il Castello di Oliveto, il cui progetto è stato da qualche tempo attribuito a Filippo Brunelleschi (Firenze, 1377 - 1446) dall’architetto Massimo Ricci, autore di diversi studi sul grande artista rinascimentale. L’edificio, attualmente di proprietà privata, fu fatto costruire nel 1424 ed era un tempo la residenza della nobile famiglia Pucci di Firenze: in passato ospitò anche personalità illustri come Lorenzo il Magnifico e ben tre papi, ovvero Leone X, Clemente VII e Paolo III. Si tratta di uno splendido esempio di villa fortificata, immersa tra le coltivazioni di olivo, sulla sommità di un colle. Appartenuto ai Pucci per quattro secoli, nel 1850 fu venduto a un’altra nobile famiglia fiorentina, i Guicciardini, e durante la seconda guerra mondiale diventò sede di un comando tedesco per poi essere occupato dagli alleati. Oggi invece il castello è sede di un’azienda agricola e offre ospitalità a chiunque desideri pernottarvi, ed è inoltre location per cerimonie, degustazioni, corsi di cucina, ricevimenti, meeting.

Secondo l’architetto Ricci, il progetto del Castello si dovrebbe attribuire a Brunelleschi in quanto il genio fiorentino sarebbe stato, all’epoca, l’unico architetto esperto di fortificazioni militari, ma non solo: ci sono somiglianze tra il Castello di Oliveto e la Villa medicea della Pietraia (anch’essa attribuita a Brunelleschi), è stato riscontrato l’impiego di tecniche costruttive simili a quelle della Cupola di Santa Maria del Fiore, il capolavoro di Brunelleschi, e ancora è confermato che a fornire il materiale per la costruzione della Cupola sia stato il fratello dell’allora proprietario del Castello di Oliveto, Giovanni di Antonio Pucci, e ciò dimostrerebbe che ci fossero contatti tra la famiglia e Filippo Brunelleschi.

La proprietà include anche venticinque case coloniche, un borgo con una villa del Settecento e mille e duecento ettari di terreni, per un totale di 35 km quadrati di proprietà. A gestire la transazione è la società Lionard Luxury Real Estate. Dimitri Corti, presidente di Lionard, afferma che “si tratta di una delle più prestigiose proprietà mai avute in vendita”. “Innumerevoli all’interno i motivi architettonici degni di nota”, si legge nella descrizione sul sito: “la merlatura guelfa, i quattro torrioni agli angoli, la torretta dell’orologio, il cortile interno con l’intonaco a graffite, il loggiato con quattro arcate e la cappella privata per le funzioni religiose. Nel loggiato troviamo anche un antico pozzo per la raccolta dell’acqua piovana che era originariamente un’uscita sotterranea dal castello”. La trattativa, come lecito attendersi, è riservata.

Nell’immagine di Lionard, il Castello di Oliveto

A Castelfiorentino, Toscana, è in vendita il Castello di Oliveto, attribuito a Brunelleschi
A Castelfiorentino, Toscana, è in vendita il Castello di Oliveto, attribuito a Brunelleschi


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Pompei, cede un metro e mezzo di muro in una domus
Pompei, cede un metro e mezzo di muro in una domus
Incidente aereo in Etiopia, muore Sebastiano Tusa, assessore alla cultura della Sicilia e archeologo
Incidente aereo in Etiopia, muore Sebastiano Tusa, assessore alla cultura della Sicilia e archeologo
Beni culturali, totoministro: spunta il nome di Gian Marco Centinaio, e per il turismo si va verso il ministero separato
Beni culturali, totoministro: spunta il nome di Gian Marco Centinaio, e per il turismo si va verso il ministero separato
Scompare Vito Acconci, padre della performance art e della body art
Scompare Vito Acconci, padre della performance art e della body art
Daverio contro l'opera di Fischer: “più adatta a una discarica” che a piazza della Signoria
Daverio contro l'opera di Fischer: “più adatta a una discarica” che a piazza della Signoria
Eike Schmidt alle donne: “la vostra battaglia in molte parti del mondo non è ancora vinta. Non mollate, c'è bisogno di voi”
Eike Schmidt alle donne: “la vostra battaglia in molte parti del mondo non è ancora vinta. Non mollate, c'è bisogno di voi”