Record per il Cimabue ritrovato in cucina: venduto in asta a 24,1 milioni di euro


Prezzo record per il Cimabue ritrovato in cucina: venduto in asta a 24,1 milioni di euro, la cifra più alta di sempre per un'opera medievale.

Aggiudicazione record per la tavoletta duecentesca con il Cristo deriso scoperta il mese scorso in Francia e attribuita a Cimabue (Firenze, 1240 circa - Pisa, 1302). Il dipinto è andato ieri in asta presso la casa Actéon di Compiègne, nel nord della Francia, con una stima che era già molto alta (tra i 4 e i 6 milioni di euro). La piccola tavola (25,8 x 20,3 centimetri) ha raggiunto la cifra record di 24,1 milioni di euro (ovvero 19 più diritti), la più alta mai raggiunta in asta per un’opera medievale (la settima di sempre per un’opera d’arte antica). In sala erano presenti tre degli otto offerenti che si sono dati battaglia per l’opera: non conosciamo però l’identità di chi l’ha spuntata, dal momento che il compratore ha preferito mantenere l’anonimato.

La scoperta di quest’opera era avvenuta in maniera piuttosto rocambolesca: era stata infatti segnalata alla casa d’aste dalla proprietaria della tavoletta, un’anziana signora di Compiègne che la teneva appensa in cucina, vicino ai fornelli.

“È la più costosa opera di un primitivo che sia mai stata venduta nel mondo”, dichiara la casa d’aste. “E si classifica inoltre al settimo posto tra le opere antiche più care di sempre, dopo il Salvator Mundi di Leonardo da Vinci, la Strage degli innocenti di Rubens, un Pontormo, un Rembrandt, un Raffaello e un Canaletto”. Si tratta infatti di un’opera molto rara: secondo gli esperti di Actéon, apparterrebbe a un dittico del 1280, successivamente smembrato, sul quale erano dipinte le storie di Cristo e del quale si conoscono al momento solo due scene, la Flagellazione conservata alla Frick Collection di New York e la Madonna col Bambino in trono della National Gallery di Londra.

Record per il Cimabue ritrovato in cucina: venduto in asta a 24,1 milioni di euro
Record per il Cimabue ritrovato in cucina: venduto in asta a 24,1 milioni di euro


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Imparare l'archeologia e l'inglese giocando. A Paestum laboratori per bambini
Imparare l'archeologia e l'inglese giocando. A Paestum laboratori per bambini
Associazione Italiana Editori: una casa editrice su dieci rischia già la chiusura
Associazione Italiana Editori: una casa editrice su dieci rischia già la chiusura
Cecilie Hollberg: “licenziata senza spiegazioni. Inusuale per uno Stato democratico”
Cecilie Hollberg: “licenziata senza spiegazioni. Inusuale per uno Stato democratico”
Nardella vuole fare gli Uffizi 2 in Cina: una filiale del museo a Shanghai o a Pechino
Nardella vuole fare gli Uffizi 2 in Cina: una filiale del museo a Shanghai o a Pechino
Todi, direttrice della biblioteca rifiuta di compilare elenco di libri “gender”. Trasferita all'urbanistica
Todi, direttrice della biblioteca rifiuta di compilare elenco di libri “gender”. Trasferita all'urbanistica
Notre-Dame, la Corte dei Conti francese vuole aprire indagine sull'uso delle donazioni
Notre-Dame, la Corte dei Conti francese vuole aprire indagine sull'uso delle donazioni