In Parlamento si discutono nuove misure per la cultura: fondazioni liriche, sostegno al MiBAC e altro


È in pieno svolgimento l’iter del disegno di legge che dovrà convertire in legge, con alcune modifiche, il decreto-legge 59 del 28 giugno 2019, recante “misure urgenti in materia di personale delle fondazioni lirico sinfoniche, di sostegno del settore del cinema e audiovisivo e finanziamento delle attività del Ministero per i beni e le attività culturali e per lo svolgimento della manifestazione UEFA Euro 2020”.

Sono cinque le aree su cui interverrà il disegno di legge. La prima (articolo 1) riguarda le fondazioni lirico sinfoniche: “al fine di assicurare il rilancio delle fondazioni lirico sinfoniche”, si legge nel testo modificato dal Senato e reinviato alla Camera per la prosecuzione dell’iter, le fondazioni stesse, i teatri di tradizione e i soggetti finanziati dal Fondo unico per lo spettacolo che applicano il contratto collettivo nazionale “possono stipulare, con atto scritto a pena dinullità, uno o più contratti di lavoro a tempo determinato per lo svolgimento dimansioni di pari livello e categoria legale, per una durata che non può superare complessivamente, a decorrere dal 1° luglio 2019, fatte salve le diverse disposizioni deicontratti collettivi, i trentasei mesi, anche non continuativi, anche all’esito di successive proroghe o rinnovi”. Previsti risarcimenti per il lavoratore nel caso il termine venga superato (ma il danno non comporta comunque la conversione in contratto a tempo indeterminato). Vengono inoltre modificate le regole per le assuzioni a tempo indeterminato, effettuate “in coerenza con il fabbisogno della fondazione e previa verifica da parte del Collegio dei revisoti dei conti”. Nel caso, fino al 31 dicembre 2021, qualora una fondazione assuma a tempo indeterminato, provvederà a farlo in misura pari al 70% dei posti disponibili, mediante procedure selettive. La legge impegna poi il MiBAC e il MEF ad adottare un decreto contenente uno “schema tipo, tenuto conto delle esigenze di struttura e organizzazione, definite nel contratto collettivo nazionale di lavoro, per i complessi artistici e il settore tecnico, cui ciascuna fondazione lirico sinfonica deve uniformarsi per la formulazione di una proposta di dotazione organica”, da trasmettere ai due ministeri entro sessanta giorni.

La seconda area (articolo 2) riguarda lo svolgimento di servizi e attività del MiBAC: vengono stanziati 15,4 milioni di euro per il 2019 per i servizi generali, e 19,4 per il 2019 (e cifra identica nel 2020) per recupero e conservazione di beni culturali. La terza area (articolo 3) riguarda il settore audiovisivo: viene disciplinata la composizione della Commissione per la classificazione delle opere cinematografiche e viene aumentato il numero di esperti per la valutazione delle richieste di accesso ai contributi per le opere cinematografiche e audiovisive. Non solo: per la concessionaria del servizio pubblico radiofonico, televisivo e multimediale (ovvero la RAI) vige l’obbligo, nella fascia oraria dalle 18 alle 23, di riservare almeno il 12% del tempo di diffusione (tolti i notiziari, i quiz, lo sport, la pubblicità e le televendite) a film, documentari, cartoni animati che siano “di espressione originale italiana ovunque prodotte”.

La quarta area (articolo 4) riguarda gli spettacoli viaggianti: in particolare vengono esclusi gli spettacoli viaggianti dalla normativa sui titoli d’accesso nominativi agli spettacoli in impianti che abbiano una capienza superiore ai 5.000 spettatori. Infine, l’ultimo articolo (il 5), prevede la nomina di un commissario straordinario per la realizzazione degli interventi necessari a far svolgere le partite dei campionati europei di calcio 2020 a Roma. Il commissario sarà nominato da Roma Capitale.

Per seguire l’iter della legge e leggerne i testi è possibile collegarsi al sito della Camera.

In Parlamento si discutono nuove misure per la cultura: fondazioni liriche, sostegno al MiBAC e altro
In Parlamento si discutono nuove misure per la cultura: fondazioni liriche, sostegno al MiBAC e altro


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER