In Calabria pochi turisti a causa di mafia e terremoti: è bufera per le parole di EasyJet


“Per un assaggio autentico della vivace vita italiana niente di meglio della Calabria. Questa regione soffre di un’evidente assenza di turisti a causa della sua storia di attività mafiosa e di terremoti e la mancanza di città iconiche come Roma e Venezia capaci di attrarre i fan di Instagram”: questa la descrizione che fino a stamani campeggiava sul sito di EasyJet, la nota compagnia aerea lowcost, alla voce “Lamezia Terme”, una delle destinazioni dei voli. L’idea della compagnia era quella di descrivere in termini positivi la Calabria: la descrizione infatti continuava con parole che volevano essere elogiative (“se cerchi un piccolo assaggio della dolce vita, senza troppi turisti, allora sei nel posto giusto. Raggiungi le città costiere della costa tirrenica per spiagge sensazionali e mai affollate. Arrampicati fino alla città di montagna di Morano Calabro per panorami mozzafiato e case bizzarre costruite su cime, che dovrai vedere per credere. Potrai essere tra i pochi turisti a conoscere e apprezzare veramente i tre spettacolari parchi nazionali di questa regione”).

Ovviamente le buone intenzioni non sono bastate a cancellare la brutta figura con cui la regione è stata ridotta a un paio di pregiudizi (anche perché, peraltro, una descrizione delle bellezze di Lamezia non sembra davvero il luogo adatto per fare un’analisi sui problemi del turismo in Calabria). E lo sdegno ha investito i social ma si è riversato anche nel mondo della politica: la condanna alle parole di EasyJet, infatti, è stata bipartisan. Anzi: molti non hanno gradito neppure il prosieguo, ritenuto un testo da cartolina anch’esso pieno di stereotipi (a cominciare dalle “case bizzarre”). Per Federica Dieni del Movimento 5 Stelle, “la descrizione che la compagnia EasyJet ha fatto della Calabria sul suo sito ufficiale rappresenta un inqualificabile e offensivo scivolone. La sezione ’Ispirami’, nella quale ha trovato posto l’offensiva scheda dedicata alla regione, può avere il solo effetto di allontanare i turisti da una della mete più suggestive e uniche al mondo”.

Dello stesso avviso Wanda Ferro di Fratelli d’Italia: “Descrivere la Calabria come una terra di mafia e di terremoti dalla quale i turisti stanno alla larga, e i pochi che arrivano possono ammirare solo delle ’case bizzarre’ è di una gravità senza precedenti. Una ’cartolina’ del tutto falsa e piena di assurdi pregiudizi, che ha l’effetto di danneggiare l’immagine di una regione che non solo può offrire ai visitatori un immenso patrimonio di tesori naturalistici, culturali e identitari, quanto oggi è una terra completamene libera dal Covid, ed è pronta ad accogliere in sicurezza turisti e viaggiatori”. Critiche anche da Giuseppe Mangialavori di Forza Italia, secondo cui era “difficile realizzare una descrizione peggiore di questa”. Stefano Graziano (Pd) ammonisce: “da campano che ha imparato ad amare le bellezze di questa terra consiglio a turisti italiani e esteri di non cadere nei facili stereotipi e di visitarla. La Calabria è terra di storie, eccellenze e un mare bellissimo”. Ernesto Magorno di Italia Viva ha twittato: “la Calabria è una terra che accoglie e, con buona pace di chi scrive il contrario, è una regione che non soffre di assenza di turisti. EasyJet deve chiedere scusa e, prima di scrivere di Calabria, dovrebbe documentarsi meglio”.

E in effetti poi, alla fine, le scuse di EasyJet sono arrivate. La compagnia, in una nota, “si scusa apertamente con tutti i calabresi e la Regione Calabria per la descrizione contenuta nella scheda informativa all’interno del sito. L’intento originale del testo era sottolineare quanto la Calabria sia sottovalutata all’estero da un punto di vista turistico”. La Calabria, ha poi detto EasyJet, “è una terra per noi molto importante, che amiamo e che promuoviamo da sempre con numerosi voli su Lamezia Terme. Ne è una dimostrazione anche il fatto che il primo volo del 15 giugno, giorno del ripristino delle operazioni post-lockdown, è stato quello verso l’aeroporto di Lamezia Terme. Abbiamo provveduto immediatamente a rimuovere il testo in questione e avviato un’indagine interna per capire l’accaduto e fare in modo che non accada mai più”.

Le scuse sono state accettate dalla sottosegretaria ai beni culturali, con delega al turismo, Lorenza Bonaccorsi, che ha affermato: “la Calabria è una delle perle del nostro Paese. Terra di storia, cultura e turismo. Nessuna narrazione distorta potrà cancellare tutto questo. Bene le scuse e la rettifica di easyjet e l’avvio di una indagine interna perché non accada mai più”. E intanto, il testo sul sito di EasyJet è stato cambiato: “Lamezia Terme”, si legge ora, “si trova nel cuore del Mediterraneo. Grazie alle sue attraenti insenature, candide spiagge incontaminate, meravigliosi paesaggi montani e alpini, è una destinazione perfetta per le vostre vacanze. Le zone circostanti sono tutte da scoprire, dai templi greci, romani e normanni ai palazzi borbonici. Se siete alla ricerca del riposo più assoluto, c’è una stazione termale molto famosa a Caronte con sorgenti naturali calde”.

Nell’immagine, il testo incriminato.

In Calabria pochi turisti a causa di mafia e terremoti: è bufera per le parole di EasyJet
In Calabria pochi turisti a causa di mafia e terremoti: è bufera per le parole di EasyJet


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER