La Fondazione Carisbo si arricchisce di due nuovi dipinti


La Fondazione Carisbo ha acquisito all’asta due dipinti di artisti bolognesi, Biagio Pupini e Antonio Beccadelli. 

La Fondazione Carisbo si è aggiudicata durante l’asta Dorotheum di Vienna due dipinti di artisti bolognesi: si tratta del Matrimonio mistico di santa Caterina d’Alessandria realizzato da Biagio Pupini (Bologna, fine XV secolo – 1575 circa) e della Ragazza che accorda un liuto eseguito da Antonio Beccadelli (Bologna, 1718 - 1803).

Il primo è un olio su tavola del 1530 circa che riflette schemi raffaelleschi, mentre il secondo è un soggetto caro a Giuseppe Maria Crespi destinato al collezionismo privato, ovvero una giovane che girando la chiave accorda lo strumento, in un’allegoria dell’udito. 

Entrambe le opere quindi sono rappresentativi della cultura figurativa della loro epoca e ora sono entrati a far parte delle Collezioni d’Arte e di Storia della Fondazione.

Fonte: Ansa

Nell’immagine, Ragazza che accorda un liuto di Antonio Beccadelli.

La Fondazione Carisbo si arricchisce di due nuovi dipinti
La Fondazione Carisbo si arricchisce di due nuovi dipinti


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER