Clamorosa gaffe del tg di France 2: Leonardo presentato come “genio francese” (e non è neanche l'unico sfondone)


Gaffe di France 2 in un servizio su Leonardo da Vinci: il grande artista toscano presentato come genio francese. E non è neanche il loro unico sfondone.

Una clamorosa gaffe storico-artistica quella di cui si è reso protagonista il conduttore del telegiornale di France 2, Julian Bugier, nell’edizione delle 20 del primo maggio: nell’introdurre il servizio su Leonardo da Vinci, l’anchorman ha presentato il grande artista del Rinascimento come un “genio francese” (a questo link, minuto 33).

Immediate le reazioni del pubblico italiano sul web quando la notizia si è diffusa sui mezzi d’informazione del nostro paese, e si può ben immaginare quale sia stato il tenore dei commenti (e in più la gaffe è stata un assist irrinunciabile per i nazionalisti della domenica, gli sciovinisti della tastiera e gli analisti politici da bar sport). Ma non è stato comunque l’unico sfondone di France 2, tutto imbastito per dar forza alla dimostrazione di come il sorriso della Gioconda sia stato il “primo vero sorriso della storia dell’arte” (con buona pace di Antonello da Messina: evidentemente, secondo i giornalisti dell’emittente francese, i suoi erano sorrisi... forzati). Una tesi, è il caso di dirlo... risibile.

E mentre scorrono le immagini della tavola di Acerenza (un’opera che, ha scritto una volta Tomaso Montanari, se la si ritenesse di Leonardo, sarebbe come scambiare una bicicletta per una portarei) e della Lezione di anatomia del dottor Tulp di Rembrandt (che visse un secolo dopo Leonardo e che è stato tirato in ballo non si sa bene per quale ragione), si evocano particolari macabri (“Leonardo ha l’occhio dello scienziato, e affinché il sorriso dei suoi dipinti sia iperrealistico, lavora in profondità: arriva persino a dissezionare una trentina di cadaveri per meglio conoscere l’anatomia umana”) e da programma di misteri (“Leonardo vantava anche una tecnica di pittura segreta”), e si giunge alla conclusione che il sorriso sarebbe poi divenuto un elemento tipico della sua produzione.

Insomma, neppure la presenza di un esperto come Vincent Delieuvin ha risollevato le sorti del servizio, così che gli unici sorrisi mossi dalla televisione francese sono stati quelli dei telespettatori, soprattutto di quelli italiani. E non si dovranno lamentare i colleghi di France 2 se domani in Italia ci sarà qualcuno che magari dirà che... Napoleone era italiano!

Clamorosa gaffe del tg di France 2: Leonardo presentato come “genio francese” (e non è neanche l'unico sfondone)
Clamorosa gaffe del tg di France 2: Leonardo presentato come “genio francese” (e non è neanche l'unico sfondone)


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Straordinaria scoperta a Tebe: trovata una tomba con mummie ancora conservate
Straordinaria scoperta a Tebe: trovata una tomba con mummie ancora conservate
Aste, Soprintendenza blocca vendita di 57 lotti da Pandolfini, ritenuti unica eccezionale collezione
Aste, Soprintendenza blocca vendita di 57 lotti da Pandolfini, ritenuti unica eccezionale collezione
Turin is MINE, il gioco gratuito per bambini e ragazzi per incontrarsi virtualmente a Torino
Turin is MINE, il gioco gratuito per bambini e ragazzi per incontrarsi virtualmente a Torino
Van Gogh, l'Ermitage e Frida: prosegue La Grande Arte al Cinema
Van Gogh, l'Ermitage e Frida: prosegue La Grande Arte al Cinema
Ministro della Cultura 5 Stelle: Settis e gli altri che avrebbero rifiutato l'offerta di Di Maio
Ministro della Cultura 5 Stelle: Settis e gli altri che avrebbero rifiutato l'offerta di Di Maio
Le origini di Lucio Fontana vengono ricostruite in una mostra in Argentina, nella sua città natale
Le origini di Lucio Fontana vengono ricostruite in una mostra in Argentina, nella sua città natale