Franceschini cancella Bonisoli: sbloccata la circolazione delle opere sotto i 13.500 euro


Il nuovo decreto Franceschini abolisce le misure sulla circolazione intraprese da Bonisoli nel 2018 e sblocca pertanto la circolazione delle opere sotto i 13.500 euro.

È stato pubblicato nelle scorse ore il decreto ministeriale del 31 luglio 2020, firmato dal ministro dei beni culturali Dario Franceschini, che di fatto sblocca la circolazione di tutte le opere con valore inferiore ai 13.500 euro. Il decreto interviene su un altro decreto, quello firmato il 9 luglio del 2018 dall’ex ministro Alberto Bonisoli, il quale a sua volta interveniva sul decreto ministeriale di Franceschini del 17 maggio 2018 sulle condizioni, modalità e procedure per la circolazione internazionale dei beni culturali.

Il decreto del maggio 2018 stabiliva due novità per la circolazione delle opere: la prima era la possibilità di far circolare le opere più antiche di settant’anni e con un valore inferiore ai 13.500 euro avvalendosi semplicemente di una autocertificazione (prima era necessario inviare una richiesta all’ufficio esportazione della soprintendenza e rimanere in attesa dell’attestato di libera circolazione: una procedura che, data anche la carenza di personale negli uffici, era molto lunga e richiedeva come minimo un mese di attesa). La seconda era l’attivazione dell’anagrafe della circolazione internazionale delle opere culturali, che avrebbe dovuto garantire la gestione di tutti i beni in transito sul territorio nazionale, attraverso il rilascio di un “passaporto” della durata di cinque anni.

Il decreto Bonisoli aveva subordinato la possibilità di far circolare opere con autocertificazione all’adeguamento del Sistema Uffici Esportazione per l’attuazione dell’anagrafe: l’idea, infatti, era quella di avere il pieno controllo di ciò che sarebbe stato presentato con autocertificazione. Il problema però è che l’anagrafe è ancora in attesa di nascere, e di fatto, col decreto Bonisoli, la nuova normativa non poteva entrare in vigore. Il decreto Franceschini, abolendo i commi introdotti da Bonisoli, ha di fatto risolto la situazione sbloccando la circolazione delle opere con valore inferiore ai 13.500 euro. Il nuovo decreto ha poi stabilito che entro il 31 dicembre dovranno comunque essere adottate le specifiche tecniche necessarie per l’attivazione del passaporto elettronico previsto dal decreto del 17 maggio.

Franceschini cancella Bonisoli: sbloccata la circolazione delle opere sotto i 13.500 euro
Franceschini cancella Bonisoli: sbloccata la circolazione delle opere sotto i 13.500 euro


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER