Fratelli d'Italia avverte il direttore del Museo Egizio: “una volta al governo cambi nei ruoli di nomina”


Fratelli d’Italia avverte il direttore del Museo Egizio, Christian Greco: “una volta al governo cambieremo i ruoli di nomina”. 

Non si placa la polemica tra Fratelli d’Italia e il direttore del Museo Egizio, Christian Greco. In una nota diramata quest’oggi da Federico Mollicone, responsabile nazionale del partito guidato da Giorgia Meloni, protagonista di un acceso scontro giovedì scorso con il direttore, viene lanciato un avvertimento a Christian Greco, che ha quasi il sapore della minaccia. “Quegli anni del pensiero unico e dell’odio conforme, grazie a Dio, sono finiti”, si legge nel comunicato. “Criticare la politica di gestione di una istituzione culturale pubblica, come ha fatto Giorgia Meloni in modo civile davanti al Museo Egizio, è e deve essere assolutamente possibile in una Nazione libera”.

Fratelli d’Italia non ha proprio gradito l’iniziativa Fortunato chi parla arabo, che da due anni a questa parte concede una gratuità ogni due ingressi a tutti i cittadini che parlano l’arabo: “La campagna di comunicazione fatta dal Museo in arabo, infatti, con tanto di visual raffigurante una coppia con la donna velata, al di là della sua durata temporanea, è il sintomo della malattia dell’Occidente. Un pensiero debole che distrugge la propria storia e identità a favore delle altre. Una iniziativa ideologica e anti italiana”. Il comunicato termina con l’avvertimento diretto a Christian Greco: “stiano tranquilli il direttore Greco e gli estensori dell’anacronistico appello: una volta al governo Fratelli d’Italia realizzerà uno dei punti qualificanti del proprio programma culturale che prevede uno spoil system automatico al cambio del Ministro della Cultura per tutti i ruoli di nomina, in modo da garantire la trasparenza e il merito, non l’appartenenza ideologica”.

La redazione di Finestre sull’Arte esprime piena solidarietà a Christian Greco per gli attacchi che la sua persona e il museo da lui diretto stanno ricevendo in questi giorni.

Fratelli d'Italia avverte il direttore del Museo Egizio: “una volta al governo cambi nei ruoli di nomina”
Fratelli d'Italia avverte il direttore del Museo Egizio: “una volta al governo cambi nei ruoli di nomina”


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Uwe Jäntsch lascia Palermo e la Vucciria dopo 19 anni. Sarà distrutto il suo ultimo intervento
Uwe Jäntsch lascia Palermo e la Vucciria dopo 19 anni. Sarà distrutto il suo ultimo intervento
Intolleranza a Liverpool: vandalizzata due volte installazione sul tema dei migranti
Intolleranza a Liverpool: vandalizzata due volte installazione sul tema dei migranti
Stabiae, gruppo di restauratori polacchi riporta alla luce decorazioni di Villa Arianna
Stabiae, gruppo di restauratori polacchi riporta alla luce decorazioni di Villa Arianna
Nasce il Parco Archeologico di Segesta. In Sicilia ne sono previsti altri diciassette
Nasce il Parco Archeologico di Segesta. In Sicilia ne sono previsti altri diciassette
Musei italiani: record di visitatori nei primi tre mesi del 2018. Ecco i dati del MiBACT
Musei italiani: record di visitatori nei primi tre mesi del 2018. Ecco i dati del MiBACT
Annunciati i vincitori della terza edizione di Italian Council
Annunciati i vincitori della terza edizione di Italian Council