Ufficiale: musei, mostre e biblioteche riaprono il 18 maggio. Il 1° giugno forse bar e ristoranti


I musei, le mostre e le biblioteche riapriranno il 18 maggio. È la data comunicata in via ufficiale dal presidente del consiglio Giuseppe Conte durante la conferenza stampa di stasera, che anticipa il nuovo dpcm con le indicazioni per la cosiddetta “fase 2”. “Abbiamo in animo”, ha detto il primo ministro, “di riaprire con tutte le precauzioni e cautele, il 18 maggio, musei, mostre e biblioteche”.

Per bar e ristoranti (ma anche per parrucchieri, centri estetici, centri massaggio e servizi di cura della persona) ci sarà da aspettare forse il 1° giugno. La data è stata data in via indicativa, ma non è ancora fissata definitivamente (dipenderà probabilmente da come procederà l’epidemia di Covid-19 da coronavirus): “vorremmo aprire più ampiamente” queste attività, ha detto il premier utilizzando dunque il condizionale. I bar e i ristoranti potranno comunque fare servizio di asporto dal 4 maggio.

Per altre attività turistiche (come gli stabilimenti balneari) ancora nessuna indicazione su una data certa (“faremo il possibile in modo da consentire una programmazione ben strutturata, ben articolata e molto cauta della stagione balneare”). Nessuna indicazione per cinema, teatri, festival. Sempre il 18 maggio riaprirà il commercio al dettaglio.

Nella foto: Giuseppe Conte

Ufficiale: musei, mostre e biblioteche riaprono il 18 maggio. Il 1° giugno forse bar e ristoranti
Ufficiale: musei, mostre e biblioteche riaprono il 18 maggio. Il 1° giugno forse bar e ristoranti


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma