I vandali di San Marco sono quattro studenti, due dell'Accademia. Zaia chiede esposizione al pubblico ludibrio


Identificati i vandali dei leoncini di piazzetta San Marco, sono quattro studenti. Il governatore Zaia chiede che vengano esposti al pubblico ludibrio.

Sono stati identificati i vandali che nella notte del 29 settembre hanno imbrattato uno dei leoncini di piazzetta San Marco a Venezia. A denunciarli è stata una studentessa ventenne, che faceva parte del gruppo d’imbrattatori e che è stata assalita dai sensi di colpa per quanto fatto. Stando a ciò che ha raccontato ai Carabinieri di Venezia, i giovani, tutti poco più che ventenni e studenti (due dell’Università e due dell’Accademia di Belle Arti) avrebbero compiuto il gesto dopo una serata alcolica: oltre alla ragazza che ha denunciato l’accaduto, erano presenti con lei due ragazzi e un’altra ragazza. Quest’ultima è stata fermata a Trento, mentre gli altri due sono stati rintracciati a Venezia.

Durissimi i commenti del sindaco, Luigi Brugnaro, e del governatore, Luca Zaia. Il primo chiede che i colpevoli si occupino di lavori socialmente utili eseguiti davanti a tutti: “La città non chiede vendetta, ma un giusto risarcimento con lavori sociali pubblici davanti a tutti”. Il secondo ci va giù ancora più pesante: “Bravi i Carabinieri che hanno fatto presto e bene. Hanno identificato e assicurato alla giustizia i quattro incivili che hanno imbrattato l’altra notte con vernice rossa i leoncini di San Marco. Venezia è unica al mondo e merita un rispetto di pari importanza. Meritano una punizione severa che sia il massimo consentito dalla legge, ma anche di essere esposti in qualche modo al pubblico ludibrio, perché abbiano modo di vergognarsi al punto giusto!!”. Ma forse è il caso di ricordare e di sottolineare che il codice penale italiano non ammette le cosiddette “pene infamanti” come, appunto, l’esposizione al pubblico ludibrio.

Nella foto: uno dei leoncini di piazzetta San Marco. Credit

I vandali di San Marco sono quattro studenti, due dell'Accademia. Zaia chiede esposizione al pubblico ludibrio
I vandali di San Marco sono quattro studenti, due dell'Accademia. Zaia chiede esposizione al pubblico ludibrio


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Chi è Mariastella Margozzi, l'esperta che dovrà risolvere il caso Modigliani di Genova
Chi è Mariastella Margozzi, l'esperta che dovrà risolvere il caso Modigliani di Genova
Una squadra di calcio indosserà una maglia con un'opera di Brancuși
Una squadra di calcio indosserà una maglia con un'opera di Brancuși
Paestum lancia una raccolta fondi per salvare e indagare il tempio dorico ritrovato
Paestum lancia una raccolta fondi per salvare e indagare il tempio dorico ritrovato
Ecco le commissioni che sceglieranno i nuovi direttori dei musei autonomi. Spazio anche a economia e comunicazione
Ecco le commissioni che sceglieranno i nuovi direttori dei musei autonomi. Spazio anche a economia e comunicazione
Roma, sparita fontanella da via della Tribuna di San Carlo, forse rubata durante restauro
Roma, sparita fontanella da via della Tribuna di San Carlo, forse rubata durante restauro
Carrara: il vescovo condanna l'Immacolata esposta da Torart
Carrara: il vescovo condanna l'Immacolata esposta da Torart