Biennale, il Padiglione della Russia sarà chiuso: artisti e curatore si ritirano per protesta


Il Padiglione della Russia alla Biennale di Venezia rimarrà chiuso: i due artisti Alexandra Sukhareva e Kirill Savchenkov e il curatore Raimundas Malašauskas si sono infatti ritirati per protesta, e il loro progetto non verrà sostituito.

Rimarrà chiuso il Padiglione della Russia alla Biennale di Venezia 2022: è di pochi minuti fa la notizia che l’organizzazione del padiglione, a causa del ritiro dei due artisti che avrebbero dovuto esporre ovvero i russi Alexandra Sukhareva e Kirill Savchenkov, e del curatore lituano Raimundas Malašauskas, ha deciso di lasciarlo chiuso. Non si terrà dunque la mostra in programma, intitolata 914.

“Il Padiglione della Russia”, si legge in un post su Instagram dell’organizzazione, “è una casa per gli artisti, per l’arte e per i creativi. Abbiamo lavorato a stretto contatto con gli artisti e il curatore sin dal primo giorno su questo progetto e abbiamo atteso le loro decisioni indipendenti, che rispettiamo e soprattutto sosteniamo. Kirill Savchenkov, Alexandra Sukhareva e Raimundas Malašauskas hanno appena annunciato che non faranno parte del progetto del Padiglione Russo alla 59a Biennale di Venezia e di conseguenza il Padiglione Russo rimarrà chiuso”.

Le ragioni del ritiro sono state esplicitate oggi pomeriggio. “Non c’è posto per l’arte quando civili muoiono sotto il fuoco dei missili, quando i cittadini dell’Ucraina si nascondono nei rifugi e quando chi protesta in Russia viene ridotto al silenzio”, ha scritto oggi Sukhareva in una nota in cui era taggato anche Savchenkov. “Poiché sono nata in Russia, non presenterò il mio lavoro al Padiglione della Russia alla Biennale di Venezia”.

“Oggi ho rassegnato le dimissioni da curatore del Padiglione della Russia per la 59a Biennale di Venezia, che era in programma ad aprile di quest’anno”, ha spiegato invece Malašauskas. “Esprimo la mia ammirazione e la mia gratitudine per gli artisti russi Alexandra Sukhareva e Kirill Savchenkov, con i quali ho lavorato per sviluppare il progetto della Biennale. Tuttavia, non posso continuare a lavorare su questo progetto alla luce dell’invasione militare della Russia e del bombardamento dell’Ucraina. Questa guerra è insostenibile sia dal punto di vista politico sia dal punto di vista emotivo. Come sapete, sono nato e cresciuto in Lituania quando era parte dell’Unione Sovietica. Ho vissuto lì fino alla dissoluzione dell’Unione Sovietica nel 1989, e ho seguito lo sviluppo del mio paese fin da allora. L’idea di tornare indietro o di continuare a vivere sotto un impero, russo o di chiunque altro, è semplicemente intollerabile”.

Il padiglione dell’Ucraina rimane invece in forse: l’organizzazione venerdì aveva fatto sapere che continuerà a lavorare al progetto se ci saranno le condizioni.

Nella foto: il Padiglione della Russia alla Biennale di Venezia. Foto KASA - Alexandra Kovaleva/Kei Sato

Biennale, il Padiglione della Russia sarà chiuso: artisti e curatore si ritirano per protesta
Biennale, il Padiglione della Russia sarà chiuso: artisti e curatore si ritirano per protesta


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Berlino impone i tamponi obbligatori per musei e shopping, ma l'idea è un flop
Berlino impone i tamponi obbligatori per musei e shopping, ma l'idea è un flop
Ingresso gratuito a Uffizi, Palazzo Pitti e Boboli per l'anniversario della nascita di Francesco I de' Medici
Ingresso gratuito a Uffizi, Palazzo Pitti e Boboli per l'anniversario della nascita di Francesco I de' Medici
Viareggio, gallerista denuncia lo stato delle Oceaniche di Turcato, il sindaco la querela
Viareggio, gallerista denuncia lo stato delle Oceaniche di Turcato, il sindaco la querela
Conte: “ora concentriamoci sul Brand Italia e promuoviamo il nostro patrimonio artistico e naturale”
Conte: “ora concentriamoci sul Brand Italia e promuoviamo il nostro patrimonio artistico e naturale”
Vaticano, è polemica per il presepe con un personaggio che sembra il cattivo di Star Wars
Vaticano, è polemica per il presepe con un personaggio che sembra il cattivo di Star Wars
In Germania e Svizzera i musei si preparano a riaprire al pubblico. Ecco come e quando
In Germania e Svizzera i musei si preparano a riaprire al pubblico. Ecco come e quando