Incidono il loro nome sui marmi della Torre di Pisa: arrestati due turisti


Volevano lasciare un segno della loro presenza nella Torre di Pisa, e hanno pensato bene di farlo incidendo i loro nomi sui preziosi marmi del monumento: la vacanza di due turisti (due fratelli di 38 e 35 anni, entrambi medici) è dunque finita alla locale caserma dei Carabinieri. Secondo le ricostruzioni dei militari dell’Arma, i due turisti, arrivati all’ultimo piano della torre, hanno inciso con una moneta il nome (o il soprannome) di uno dei due (“Jeffy”) su un marmo nero nel camminamento interno, e non paghi di ciò si sono scattati un selfie. Un altro turista, accortosi dello sfregio, ha avvertito la vigilanza: uno degli addetti ha dunque consegnato i due fratelli ai carabinieri.

I turisti, all’arrivo dei militari, si sono giustificati affermando di non ritenere così grave la cosa perché avevano notato la presenza di altre scritte sui marmi della Torre. Ovviamente la giustificazione è servita a poco in quanto azioni simili, nell’Italia del 2019, costituiscono reato: i due sono stati pertanto arrestati con l’accusa di danneggiamento aggravato, e sono stati poi rilasciati in quanto il pm di turno, Egidio Celano, ha ritenuto, a seguito dell’interrogatorio, che non ci fossero ulteriori esigenze di custodia cautelare. Adesso i due dovranno comunque rispondere del loro reato di fronte alla giustizia.

Nella foto: la Torre di Pisa. Ph. Credit Jordi Ferrer

Incidono il loro nome sui marmi della Torre di Pisa: arrestati due turisti
Incidono il loro nome sui marmi della Torre di Pisa: arrestati due turisti


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma