Ischia, la street art denuncia l'inquinamento dei mari


Il centro urbano di Ischia è invaso dalla Poster Art di #SeaToLove Edition Street Art File Print: street art per denunciare l’inquinamento dei mari. 

Fino al 15 luglio 2020 il centro urbano di Ischia è invaso dalla Poster Art di #SeaToLove Edition Street Art File Print, il progetto d’arte urbana attraverso cui si intende denunciare l’inquinamento dei mari

Nei sei comuni dell’isola, ovvero Casamicciola, Lacco Ameno, Serrara Fontana, Barano, Forio e Ischia Porto, le opere di poster art di sei artisti (Qwerty, Haterisk, Antonino Perrotta in arte Attorep, Annalisa Grassano, Samuele Vesuvio e Larva) sono state diffuse negli spazi urbani. 

Promosso da Ischia Street Art Gallery con il sostegno dell’Area Marina Protetta Regno di Nettuno, che si batte da anni per la tutela e la valorizzazione del mare isolano, Street Art File Print #SeaToLove intende denunciare l’inquinamento marino e l’abuso di sostanze contaminanti, che riempiono di rifiuti tossici i nostri mari, attraverso l’affissione di poster artistici che affrontano temi legati alla salvaguardia dell’ambiente.

Inoltre, all’interno di Ischia Street Art Gallery, è visitabile e accessibile a tutti negli orari di apertura della galleria un percorso espositivo di poster art che riunisce tutti i progetti inviati dagli artisti che hanno aderito all’iniziativa.

Qwerty ha realizzato Keep your soul che intende significare che il mondo cambia quando cambiano i codici; “Annego in questo mare plastico e artificiale. Lasciatemi volare” è il messaggio che dà Haterisk. Poseidon di Antonino Perrotta raffigura Poseidone che protegge il suo regno invaso dai rifiuti e i pesci dissolvendosi si rifugiano nei suoi occhi. Are you innocent? è l’opera di Annalisa Grassano: la sirena, entrando a far parte del mondo degli uomini, non si evolve ma perisce e l’incontro con l’uomo le è fatale. Gli inquinatori sono ovunque è la denuncia di Samuele Vesuvio con la sua opera Che tte Pòsseidon e i pisciatori di veleno. Larva ha rappresentato una foca che soffoca urlando I can’t breathe; Teisa, con Avvelenamento e trasformazione, intende sottolineare la trasformazione umana causata dall’avvelenamento da rifiuti tossici nella Terra dei Fuochi (il volto che si scioglie, con fumi vomitati dalla bocca). Contaminazione è il risultato della collaborazione artistico-poetica di raPoetry e Er Buio che s’interrogano sul futuro della natura invasa da rifiuti tossici e radioattivi. 

Ischia, la street art denuncia l'inquinamento dei mari
Ischia, la street art denuncia l'inquinamento dei mari


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma