Isola di Pasqua, incendio doloso danneggia alcuni moai


Un incendio sull’Isola di Pasqua ha danneggiato, in modo irreparabile secondo il sindaco, alcuni moai, le gigantesche teste di pietra simbolo della remota isola del Pacifico. L’incendio, secondo il primo cittadino, è sicuramente di origine dolosa.

Un incendio che si è sviluppato in una parte dell’Isola di Pasqua (Rapa Nui) ha danneggiato alcuni moai, le celeberrime e misteriose statue a forma di enormi teste, risalenti a oltre cinquecento anni fa. L’incendio ha interessato un’area di 60 ettari nei pressi del vulcano Rano Raraku ed è stato ritenuto di origine dolosa. Ne è sicuro il sindaco dell’isola, Pedro Pablo Edmunds Paoa: “Tutti gli incendi a Rapa Nui”, ha detto alla radio locale Radio Pauta, “sono provocati da esseri umani”.

Edmunds ha fatto anche sapere che i danni non potranno essere riparati, a prescindere da quanto denaro si possa spendere per recuperarle: secondo il primo cittadino si tratta infatti di intervenire per ricostruire un aspetto originario che è andato perduto durante l’incendio. Nelle foto diffuse dalla comunità locale si notano infatti estese bruciature su alcune statue, ma non è chiaro quanto siano quelle che sono state effettivamente danneggiate.

L’Isola di Pasqua, che appartiene al Cile, vede la presenza di circa un migliaio di moai. È uno dei luoghi più remoti del mondo ed è abitata da poco più di settemila abitanti, tremila dei quali risiedono nella capitale Hanga Roa, che è anche l’unica città dell’isola.

Nella foto, danni provocati dall’incendio.

Isola di Pasqua, incendio doloso danneggia alcuni moai
Isola di Pasqua, incendio doloso danneggia alcuni moai


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Schmidt (Uffizi): “ora basta valutare i musei solo sui numeri assoluti. Ripartiamo a marcia più bassa”
Schmidt (Uffizi): “ora basta valutare i musei solo sui numeri assoluti. Ripartiamo a marcia più bassa”
È ufficiale: riaprono i musei nei giorni festivi, i cinema e i teatri
È ufficiale: riaprono i musei nei giorni festivi, i cinema e i teatri
Gli Uffizi fanno causa a Jean Paul Gaultier per l'immagine della Venere sui vestiti
Gli Uffizi fanno causa a Jean Paul Gaultier per l'immagine della Venere sui vestiti
Il Giro d'Italia comincia dalla Pinacoteca di Brera: la promozione della corsa parte dal museo milanese
Il Giro d'Italia comincia dalla Pinacoteca di Brera: la promozione della corsa parte dal museo milanese
Il teschio di diamanti che Damien Hirst diceva di aver venduto a 100 milioni? Un bluff
Il teschio di diamanti che Damien Hirst diceva di aver venduto a 100 milioni? Un bluff
Fumetti, nasce il primo fondo dell'Accademia di Francia a Roma con 200 autori
Fumetti, nasce il primo fondo dell'Accademia di Francia a Roma con 200 autori