L'arte merita più spazio: il Museo Poldi Pezzoli si amplia e si arricchisce


Il Museo Poldi Pezzoli di Milano ha ampliato i suoi spazi e si è arricchita di importanti collezioni: dagli orologi alle ceramiche, alle porcellane.

Il Museo Poldi Pezzoli di Milano cresce: dal 24 novembre i suoi spazi espositivi si sono ampliati e arricchiti.

Tre nuove sale collegate al Salone Dorato, cuore storico del Museo, custodiscono tre collezioni mai presentate al pubblico: una straordinaria collezione di orologi da persona provenienti da una significativa raccolta privata milanese - grazie a quest’acquisizione la collezione di orologi del Poldi Pezzoli diviene una delle più importanti al mondo, una raccolta di reperti archeologici con notevoli ceramiche apule del IV-III secolo a.C. e tra i dipinti della Galleria dei Ritratti sono esposte porcellane europee del XVIII secolo, tra le quali spiccano le opere realizzate a Meissen.

Da gennaio 2018 inizierà una rassegna a cadenza trimestrale dedicata alle nuove raccolte con in programma attività didattiche per le scuole e per le famiglie, incontri di approfondimento, aperitivi con visite guidate.

Sono previste aperture straordinarie il 7, l’8, il 26 dicembre e il 2 gennaio 2018.

Immagine: Tre vasi con coperchio (Garniture de cheminée)
Meissen, 1715
Modello di Johann Jacob Irminger (1635–1724), disegno di Raymond Leplat (1664-1742)
Porcellana bianca verniciata e dorata
Nessuna marca
inv. 6041 a-c

L'arte merita più spazio: il Museo Poldi Pezzoli si amplia e si arricchisce
L'arte merita più spazio: il Museo Poldi Pezzoli si amplia e si arricchisce


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER