La nuova opera di Banksy è dedicata (ovviamente) al coronavirus


Come avevamo previsto qualche giorno fa (ovviamente azzeccandoci), Banksy non poteva esimersi dal dire la sua sul tema del momento, la pandemia di Covid-19 da coronavirus. Lo ha fatto con una fotografia pubblicata un paio d’ore fa sul suo account Instagram, com’è sua prassi da ormai qualche tempo: il social delle immagini è diventato il suo mezzo preferito per comunicare al mondo le sue nuove creazioni.

Dunque, la pandemia è stata declinata sotto il punto di vista del contenimento domestico forzato, che evidentemente a Banksy causa qualche problema di coppia, dal momento che il commento a corredo della foto è “my wife hates it when I work from home” (“mia moglie odia quando lavoro a casa”). La fotografia ritrae un bagno messo a soqquadro dai celeberrimi topi disegnati con gli stencil, che rappresentano il più riconoscibile marchio di frabbrica dello street artist di Bristol. Non manca il riferimento alla carta igienica, articolo che fuori dai confini italiani va a ruba durante il lockdown, specialmente nei paesi anglosassoni: tanti inglesi probabilmente si dispereranno nel vederla sprecata in questo modo. E poi ancora, topi che spruzzano sapone in riferimento alle prescrizioni igieniche, un altro che conta i giorni (con le stesse modalità dei carcerati che tracciano i segni sulle pareti della cella), un altro ancora che sporca il gabinetto, e così via.

La foto ovviamente è piaciuta: più di un milione di like e 12mila commenti (per lo più monosillabici, come da abitudine). Tutto regolare per l’artista star del web (e delle vendite da Sotheby’s). E che diventa però sempre più prevedibile e scontato.

La nuova opera di Banksy è dedicata (ovviamente) al coronavirus
La nuova opera di Banksy è dedicata (ovviamente) al coronavirus


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER