Il Louvre Abu Dhabi non sa che fine ha fatto il Salvator Mundi (e non è un pesce d'aprile)


Mistero sulla sorte del Salvator Mundi: il Louvre Abu Dhabi non ha idea di dove sia finita l'opera attribuita a Leonardo da Vinci e pagata 450 milioni di dollari nel 2017.

Può sparire nel nulla un dipinto attribuito alla mano del più famoso artista di sempre, Leonardo da Vinci, e costato ben 450 milioni di dollari, tali da renderlo l’opera più costosa della storia? A quanto pare sì, perché si ignora dove sia sparito il celeberrimo Salvator Mundi, il dipinto venduto in asta da Christie’s nel novembre del 2017 per la cifra record appena citata: il Louvre Abu Dhabi, che avrebbe dovuto esporre l’opera già a settembre 2018, ha dovuto veder rinviata a data da destinarsi l’esposizione, e adesso lo staff del museo franco-emiratino non ha idea di dove sia finita l’opera. A raccontare i retroscena della storia è stato il New York Times sabato scorso: il quotidiano statunitense riporta che a livello ufficiale il Louvre non ha voluto rilasciare dichiarazioni, ma fonti anonime interne al museo avrebbero ammesso che il Louvre non sa dove si trovi il Salvator Mundi.

L’opera tra l’altro dovrà andare in mostra quest’autunno a Parigi per il grande evento che il Louvre dedicherà al cinquecentesimo anniversario della scomparsa dell’artista, ma adesso tra gli specialisti serpeggia il timore sulla destinazione che ha preso il Salvator Mundi (che, ricordiamo, è di proprietà del Dipartimento Cultura e Turismo di Abu Dhabi). Dianne Modestini, storica dell’arte della New York University, nonché restauratrice che ha lavorato sul Salvator Mundi, ha dichiarato al New York Times che il fatto è “tragico”, e che “privare di questo dipinto gli amanti dell’arte e tutti coloro che si sono emozionati per l’opera è profondamente ingiusto”. Anche il professor Martin Kemp, uno dei maggiori esperti di Leonardo, e anch’egli autore di contributi sul Salvator Mundi, raggiunto dal quotidiano ha affermato di non sapere dove si trovi il dipinto.

Il New York Times riporta anche indiscrezioni secondo le quali i proprietari sarebbero restii a mostrare l’opera in pubblico temendo problemi di sicurezza. Le ultime notizie volevano che il Salvator Mundi fosse stato inviato a Zurigo per essere sottoposto ad alcune analisi prima di essere mostrato al pubblico. Ma dalla Svizzera fanno sapere che gli esami sono stati cancellati. Insomma: si aspetta di veder chiaro in questa storia.

Immagine: Leonardo da Vinci (attribuito), Salvator Mundi (1499 circa; olio su tavola; 65,6 x 45,4 cm; Collezione privata).

Il Louvre Abu Dhabi non sa che fine ha fatto il Salvator Mundi (e non è un pesce d'aprile)
Il Louvre Abu Dhabi non sa che fine ha fatto il Salvator Mundi (e non è un pesce d'aprile)


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Le opere di Monet tornano nei loro luoghi di origine
Le opere di Monet tornano nei loro luoghi di origine
I biglietti per la visita alla Valle dei Templi si possono acquistare online
I biglietti per la visita alla Valle dei Templi si possono acquistare online
Per la mostra su Boldini e la moda a Ferrara grande successo e conti in positivo
Per la mostra su Boldini e la moda a Ferrara grande successo e conti in positivo
Dopo settanta anni un nuovo catalogo ragionato delle opere di Degas: è online
Dopo settanta anni un nuovo catalogo ragionato delle opere di Degas: è online
I Carabinieri ritrovano a Boston un libro del 1590 rubato a Monreale
I Carabinieri ritrovano a Boston un libro del 1590 rubato a Monreale
Addio a Guillermo Mordillo Menéndez, il fumettista dello humour bonario
Addio a Guillermo Mordillo Menéndez, il fumettista dello humour bonario