Milano, al Poldi Pezzoli arriverà la Madonna Litta attribuita a Leonardo, in prestito dall'Ermitage


A novembre 2019, al Museo Poldi Pezzoli di Milano arriverà la Madonna Litta, celebre dipinto attribuito a Leonardo da Vinci.

In occasione di Milano Leonardo 500, l’Ermitage di San Pietroburgo cede in prestito al Museo Poldi Pezzoli di Milano la celebre Madonna Litta. Si tratta di un dipinto a tempera su tavola di 42 centimetri per 33, tradizionalmente attribuito a Leonardo da Vinci (Vinci, 1452 - Amboise, 1519), ma secondo molti studiosi eseguito con largo impiego di artisti della bottega o della cerchia, e secondo altri addirittura non eseguito dal grande artista toscano, ma da un pittore a lui vicino: il nome più gettonato è quello di Giovanni Antonio Boltraffio (Milano, 1467 - 1516). L’Ermitage acquistò il dipinto nel 1865 dal duca Antonio Litta Visconti Arese.

La Madonna Litta verrà esposta dall’8 novembre 2019 al 10 febbraio 2020 all’interno della mostra Intorno a Leonardo. La Madonna Litta e la bottega del maestro. Il palinsesto Milano Leonardo 500 è una serie di manifestazioni per celebrare i 500 anni dalla morte di Leonardo che ha lasciato tracce importanti anche a Milano come l’Ultima cena e le decorazioni della Sala delle asse del Castello Sforzesco.

Immagine: Leonardo da Vinci o Giovanni Antonio Boltraffio, Madonna Litta (1490 circa; olio su tavola, 42 x 33 cm; San Pietroburgo, Ermitage)

Milano, al Poldi Pezzoli arriverà la Madonna Litta attribuita a Leonardo, in prestito dall'Ermitage
Milano, al Poldi Pezzoli arriverà la Madonna Litta attribuita a Leonardo, in prestito dall'Ermitage


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER