Milano, lo street artist Ozmo dedica un “monumento” alla bambina comprata da Montanelli


Il celebre street artist Ozmo ha realizzato un murale dedicato alla bambina etiope comprata nel 1936 da Indro Montanelli.

Ozmo (Gionata Gesi; Pontedera, 1975), uno degli street artist più noti e apprezzati della scena italiana, ha voluto dedicare un “monumento” alla bambina etiope di dodici anni che fu comprata dal giornalista Indro Montanelli durante la campagna d’Africa nel 1936, quando Montanelli era un ventisettenne volontario alla guida di un battaglione di ascari. La vicenda storica è tornata d’attualità durante le proteste del movimento Black Lives Matter, tanto che il monumento a Montanelli che si trova nei giardini di Porta Venezia a Milano è stato imbrattato nel fine settimana: al giornalista viene rimproverato il fatto di aver compiuto un atto che, se fatto in Italia, sarebbe stato considerato riprovevole per una persona del suo ceto sociale e con alle spalle i suoi studi, e il fatto di non essersi mai pentito di aver comperato una bambina di 12 anni (14 secondo altre interviste rilasciate da Montanelli) e di aver intrattenuto con lei una relazione contro la sua volontà.

Il “monumento” di Ozmo ovviamente è tale secondo i canoni della street art: si tratta infatti di un murale che riproduce la base di un monumento pubblico con sopra l’immagine di una bambina in abiti etiopi che alza il pugno destro, nel gesto tipico degli attivisti del movimento Black Lives Matter e di coloro che sostengono la protesta manifestando. Il murale è stato realizzato in una delle vie più centrali e frequentate di Milano, via Torino.

Con la sua opera, Ozmo ha raccolto l’invito lanciato lo scorso 9 giugno dalla scrittrice Igiaba Scego, che in un articolo pubblicato sull’Internazionale aveva auspicato che, invece di rimuovere la statua, gli artisti dedicassero “una statua, un disegno, un ricordo a quella bambina lontana”. Un appello, quello di Igiaba Scego, che anche noi avevamo rilanciato e caldeggiato sulle nostre pagine con un editoriale di Federico Giannini.

Di seguito, alcune immagini dell’opera.

Il murale di Ozmo dedicato alla bambina etiope comprata da Montanelli
Il murale di Ozmo dedicato alla bambina etiope comprata da Montanelli



Il murale di Ozmo dedicato alla bambina etiope comprata da Montanelli
Il murale di Ozmo dedicato alla bambina etiope comprata da Montanelli



Il murale di Ozmo dedicato alla bambina etiope comprata da Montanelli
Il murale di Ozmo dedicato alla bambina etiope comprata da Montanelli



Il murale di Ozmo dedicato alla bambina etiope comprata da Montanelli
Il murale di Ozmo dedicato alla bambina etiope comprata da Montanelli

Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

NEWSLETTER