Mosca, si dimette il direttore del Bolshoi. “Noi musicisti siamo ambasciatori di pace”


Il direttore d’orchestra Tugan Sokhiev si è dimesso da direttore del Bolshoi di Mosca e dell’Orchestre National du Capitole di Tolosa. Le ragioni sono dovute alle pressioni in relazione alla situazione in Ucraina.

Si è dimesso il direttore del Teatro Bolshoi di Mosca, Tugan Sokhiev. A riportare la notizia sono le agenzie di stampa russe. Sokhiev, nato a Vladikavkaz nel 1977, dirigeva il teatro russo dal 2014, dopo essere stato direttore della Welsh National Opera e, dal 2012 al 2016, direttore della Deutsche Symphonie-Orchester. Contemporaneamente, Sokhiev ha rassegnato le dimissioni anche come direttore dell’Orchestre National du Capitole di Tolosa. Le motivazioni sono state rese dall’ormai ex direttore in una lettera pubblicata dal sito specializzato russo ClassicalMusicNews: le dimissioni sono legate alle pressioni che Sokhiev ha ricevuto in relazione alla guerra in Ucraina.

“So che molte persone volevano conoscere la mia posizione su ciò che sta accadendo in questo momento e stavano aspettando che parlassi”, ha dichiarato. “Mi ci è voluto del tempo per capire cosa stava succedendo e per esprimere i sentimenti complessi che l’attualità ha suscitato in me. Prima di tutto devo dire la cosa più importante: non ho mai sostenuto alcun conflitto. Non li accetto in nessuna forma o manifestazione. Il fatto che chiunque possa mettere in discussione il mio impegno per la pace e pensare che come musicista possa mai sostenere qualcosa di diverso dalla pace sul nostro pianeta è scioccante e offensivo. Durante i vari eventi geopolitici catastrofici che l’umanità ha dovuto affrontare negli ultimi vent’anni con lo sviluppo della mia carriera professionale, sono sempre rimasto con i miei colleghi musicisti e abbiamo sempre condiviso ed espresso sostegno e simpatia per tutte le vittime di questi conflitti”.

“Questo”, continua la lettera di Sokhiev, “è ciò che facciamo noi musicisti: esprimiamo i nostri pensieri attraverso la musica, diciamo cose emotive attraverso la musica, confortiamo chi ha bisogno con la musica. Noi musicisti abbiamo la fortuna di poter parlare questa lingua internazionale, che a volte può esprimere più di qualsiasi parola conosciuta dalla civiltà. Sono sempre molto orgoglioso di essere un direttore d’orchestra di un paese ricco di cultura come la Russia, e sono anche molto orgoglioso di far parte della vita musicale francese dal 2003. Questo è ciò che fa la musica. Collega persone e artisti di diversi continenti e culture opposte, guarisce le anime delle persone e dà speranza per un’esistenza pacifica su questo pianeta. La musica può essere drammatica, lirica, divertente, triste, ma mai offensiva! Ne ero convinto grazie alla fruttuosa collaborazione con la meravigliosa orchestra di Tolosa. La mia fantastica squadra al Teatro Bolshoi me lo dimostra ogni volta che dirigo spettacoli in Russia o quando siamo in tour con loro in Europa. Sia a Tolosa che al Teatro Bolshoi ho invitato regolarmente cantanti e direttori ucraini. Non abbiamo nemmeno pensato alla nostra nazionalità. Amavamo fare musica insieme ed essere parte del mondo della musica. E oggi la nostra posizione rimane invariata. Ecco perché ho iniziato il Festival russo-francese a Tolosa: per mostrare a tutti che i popoli di Francia e Russia sono legati storicamente, culturalmente, spiritualmente e musicalmente, e che sono orgoglioso di questo legame tra i nostri due grandi paesi che amo. Oggi questo festival è contrastato dalle autorità della città di Tolosa. Che vergogna! Credo che questo festival possa ottenere di più nello stabilire relazioni amichevoli che in dichiarazioni politiche”.

“Non posso sopportare che miei colleghi - direttori d’orchestra, attori, cantanti, ballerini, registi - vengano minacciati, trattati in modo irrispettoso e diventino vittime della ’cancel culture’”, conclude Sokhiev. “A noi musicisti viene data un’opportunità eccezionale, eseguendo e interpretando i grandi compositori, per aiutare a preservare l’umanità, mantenerla gentile e nel rispetto reciproco delle persone. [...] Noi musicisti siamo ambasciatori di pace. Invece di usare noi e la nostra musica per unire nazioni e persone, in Europa cercano di dividerci e di ostracizzarci. A causa di tutto quanto sopra, ed essendo costretto ad affrontare una scelta impossibile tra i miei musicisti preferiti russi e francesi, ho deciso di dimettermi da Direttore Musicale e Direttore Principale del Teatro Bolshoi di Mosca e dimettermi da Direttore Musicale dell’Orchestre National du Capitole di Tolosa. È stato e sarà sempre un grande onore per me conoscere, lavorare insieme e suonare con gli artisti e i musicisti di queste due fantastiche orchestre. Sono orgoglioso di loro”.

Nella foto: Tugan Sokhiev

Mosca, si dimette il direttore del Bolshoi. “Noi musicisti siamo ambasciatori di pace”
Mosca, si dimette il direttore del Bolshoi. “Noi musicisti siamo ambasciatori di pace”


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Crotone, i cittadini denunciano i gravi problemi del Museo Archeologico Nazionale
Crotone, i cittadini denunciano i gravi problemi del Museo Archeologico Nazionale
Pescara, sindaco abbatte fontana a martellate per risolvere problema di degrado
Pescara, sindaco abbatte fontana a martellate per risolvere problema di degrado
Coronavirus, ecco tutti gli aiuti per turismo e cultura decisi in consiglio dei ministri
Coronavirus, ecco tutti gli aiuti per turismo e cultura decisi in consiglio dei ministri
Terme di Caracalla by night. Tornano le visite guidate serali.
Terme di Caracalla by night. Tornano le visite guidate serali.
I musei riapriranno in zona gialla: lo ha annunciato il ministro della salute Speranza
I musei riapriranno in zona gialla: lo ha annunciato il ministro della salute Speranza
Jodie Foster firmerà la regia di un film dedicato al celebre furto della Gioconda
Jodie Foster firmerà la regia di un film dedicato al celebre furto della Gioconda