Il Museo Archeologico della Maremma scrive a Franceschini: “manca personale nel settore, grave crisi”


Il Museo Archeologico e d’Arte della Maremma di Grosseto ha scritto stamani al ministro della cultura Dario Franceschini una lettera aperta per porre alla sua attenzione il problema della cronica mancanza di personale nel settore.

Una breve ma incisiva lettera scritta al ministro della cultura Dario Franceschini dal Museo Archeologico e d’Arte della Maremma, importante istituto con sede a Grosseto: così il museo ha voluto, questa mattina, sollevare il problema della cronica mancanza di personale nel settore dei beni culturali, rivolgendosi direttamente al ministro.

“Siamo disposti a scriverlo su bronzo se necessario, o addirittura su pietra se ciò servisse a rendere il nostro appello ancora più significativo, ancora più evidente agli occhi di chi è alla guida del nostro settore”: comincia così la missiva del museo. “Un settore, quello dei beni culturali, da tempo colpito dalla cronica mancanza di personale per la sorveglianza e la gestione dei musei, siti e parchi archeologici di tutto il territorio nazionale. La Maremma non fa eccezione con i siti di Vetulonia, Roselle e Cosa in grande bisogno di nuove forze per garantire la tutela, la conservazione e la valorizzazione del nostro patrimonio storico, artistico e culturale”.

“Il concorso che doveva sopperire a queste carenze”, ha fatto sapere l’istituto, “si è concluso ma ad oggi non si sono ancora concretizzate le assunzioni necessarie; non solo questo ma i 15 posti previsti per il nostro territorio sono stati diminuiti a 9 e sembra che un’ulteriore riduzione sia in programma. Vogliamo pensare che non sarà così, che si darà invece il giusto contributo alle aspirazioni di un territorio dalla forte vocazione turistica e che ha BISOGNO dei suoi siti archeologici per completare la sua offerta culturale, così come tutte le persone che qui vivono hanno BISOGNO che i nostri tesori artistici e archeologici siano correttamente tutelati e valorizzati per preservare la memoria storica che serve da connettivo a tutta la comunità maremmana”.

“Noi del Museo Archeologico e d’Arte della Maremma”, conclude il museo, “assieme alla Direzione dei Parchi Archeologici di Vetulonia, Roselle e Cosa e al Comune di Grosseto torniamo quindi a chiedere al Ministro della Cultura Dario Franceschini rassicurazioni a riguardo e la promessa di una pronta risoluzione per questa grave crisi del nostro settore”.

Il Museo Archeologico della Maremma scrive a Franceschini: “manca personale nel settore, grave crisi”
Il Museo Archeologico della Maremma scrive a Franceschini: “manca personale nel settore, grave crisi”


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Una Berlino orrorifica dopo la prima guerra mondiale nel capolavoro di George Grosz che andrà in asta da Christie's
Una Berlino orrorifica dopo la prima guerra mondiale nel capolavoro di George Grosz che andrà in asta da Christie's
La Germania restituirà a Palazzo Pitti il quadro di van Huysum rubato nel 1944
La Germania restituirà a Palazzo Pitti il quadro di van Huysum rubato nel 1944
Israele, un quadro di Amedeo Modigliani rivela schizzi invisibili a occhio nudo grazie a raggi X
Israele, un quadro di Amedeo Modigliani rivela schizzi invisibili a occhio nudo grazie a raggi X
In Veneto scoperto uno splendido pavimento romano a mosaico sotto un vigneto
In Veneto scoperto uno splendido pavimento romano a mosaico sotto un vigneto
Messico, scoperte le rovine di un grande palazzo Maya risalente a mille anni fa
Messico, scoperte le rovine di un grande palazzo Maya risalente a mille anni fa
Franceschini: “i dati dell'OCSE sul turismo fanno tremare le vene ai polsi. Nessun paese sia lasciato solo”
Franceschini: “i dati dell'OCSE sul turismo fanno tremare le vene ai polsi. Nessun paese sia lasciato solo”