New York decide, via il monumento “razzista” di Roosevelt dal Museo di Storia Naturale


Con una decisione unanime dell’apposita commissione, la città di New York ha ufficialmente stabilito che il monumento a Roosevelt davanti al Museo di Storia Naturale sarà rimosso per via delle sue implicazioni con il colonialismo e il razzismo.

La Public Design Commission della città di New York si è espressa con voto unanime lo scorso 21 giugno: il monumento equestre a Theodore Roosevelt che dal 1940 si trova davanti all’ingresso dell’American Museum of Natural History, uno dei musei di storia naturale più noti e visitati al mondo, sarà rimosso. La scultura in bronzo, opera di James Earle Fraser (Winona, 1876 - Westport, 1953), fu realizzata nel 1925 e voleva essere un omaggio al politico che fu presidente degli Stati Uniti tra il 1901 e il 1906 e premio Nobel per la pace nel 1906 (per il suo ruolo di mediatore decisivo nella guerra tra Russia e Giappone), in quanto molto interessato alle scienze naturali e autore di alcune pubblicazioni sull’argomento.

La statua è da anni oggetto di controversie non per il personaggio di Roosevelt in sé, ma per il modo in cui è raffigurato, ovvero accompagnato da un nativo con il copricapo di penne e da un afroamericano. La statua, aveva spiegato il museo, è molto discussa “a causa della composizione gerarchica che piazza una figura a cavallo e altre due che le camminano a fianco, e molti di noi trovano che la raffigurazione delle figure del nativo e dell’africano e il loro posizionamento siano razzisti”. Dello stesso avviso anche il capo del Dipartimento cittadino dei Parchi, Sam Biederman, che durante la discussione in aula ha detto che, per quanto l’opera non sia stata realizzata in mala fede, “sostiene una cornice tematica di colonialismo e razzismo”.

Le prime richieste di rimozione erano arrivate nel 2017 e da allora non si è smesso di discutere dello spostamento dell’opera: e se comunque tutti adesso sono d’accordo sulla rimozione, minore è l’accordo sul destino dell’opera. C’è chi spinge per inserirla dentro al percorso del museo, mentre una buona metà della commissione che ha deciso sulla rimozione ritiene che siano necessari ulteriori approfondimenti per cercare di capire il luogo più adatto ad accoglierla. Secondo il New York Times, la possibile destinazione potrebbe essere un’istituzione dedicata all’operato di Theodor Roosevelt, ma il nome di tale istituto non è ancora stato scelto o rivelato.

“Il museo”, ha dichiarato in una nota l’American Museum of Natural History, “è lieto di apprendere che la Public Design Commission ha votato all’unanimità per spostare il monumento equestre. Ringraziamo le agenzie cittadine che sono state coinvolte nello sviluppare e nel valutare questa proposta”.

Nell’immagine: il monumento. Foto di Ad Meskens

New York decide, via il monumento “razzista” di Roosevelt dal Museo di Storia Naturale
New York decide, via il monumento “razzista” di Roosevelt dal Museo di Storia Naturale


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma