Nasce l'orologio che scandisce la giornata dei più piccoli, tra gioco, creatività e apprendimento


Nasce Daycare-at-Home Watch, l’orologio da polso per i più piccoli ideato dallo Studio Paulbaut: scandisce i momenti della giornata tra gioco, creatività, apprendimento, cibo e riposo.

Tra i principali diritti dei bambini sono il gioco e lo svago che spesso possono coinvolgere l’apprendimento, l’arte e le attività manuali, come costruire, dipingere, disegnare e molto altro. 

Per aiutare a scandire i vari momenti della giornata dei più piccoli, tra gioco, movimento, cibo e riposo, lo Studio Paulbaut ha ideato un particolare orologio da polso Daycare-at-Home Watch, che grazie alla suddivisione del quadrante in diversi colori (blu, giallo, rosa, grigio e verde) scandisce e ricorda a chi ha l’orologio al polso le varie attività della giornata in maniera semplice e allegra. 

Lo Studio Paulbaut ha pensato a questo originale strumento in questo periodo di emergenza e di lockdown, durante il quale tanti bambini sono costretti a stare in casa e i genitori sono quindi obbligati a ripensare la giornata dei loro figli completamente dentro le mura di casa. Un modo per dare una sorta di regolarità al tempo: un momento per la creatività, per l’attività fisica, per l’apprendimento, per attività più tranquille, per giocare liberamente, per leggere o farsi raccontare una storia e per fare uno spuntino. 

Ph.Credit Studio Paulbaut

Nasce l'orologio che scandisce la giornata dei più piccoli, tra gioco, creatività e apprendimento
Nasce l'orologio che scandisce la giornata dei più piccoli, tra gioco, creatività e apprendimento


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER