Padova, un murale di Milo Manara per i 100 anni dell'Istituto di Anatomia Umana


Un murale Milo Manara impreziosisce lo scalone monumentale dell’Istituto di Anatomia Umana dell’Università di Padova, illustrando in oltre duecento metri quadrati il secolare rapporto tra l’ateneo e l’anatomia moderna.

L’Istituto di Anatomia Umana di Padova celebra il suo primo secolo di vita con un nuovo murale realizzato da Milo Manara (Luson, 1945), uno dei più importanti fumettisti e illustratori italiani. Sulle pareti dello scalone monumentale dell’edificio la raffigurazione della tradizione dell’Università di Padova nello studio dell’anatomia umana, legando idealmente le storiche sale del seminterrato con i moderni laboratori del primo piano.

Il 2022 è un anno di ricorrenze speciali per l’Università di Padova: il centenario dell’Istituto, mentre l’Ateneo celebra il suo Ottocentenario con un cartellone ricco di eventi, conferenze e spettacoli. Padova è la culla dell’anatomia moderna, la cattedra da cui sono passati tutti i più grandi scienziati e studiosi della disciplina, da Bruno da Longobucco fino a Giovan Battista Morgagni. È durante i suoi anni d’insegnamento in città che il fiammingo Andrea Vesalio produsse il De humani corporis fabrica, il trattato che nel 1542 rivoluzionò la scienza dell’anatomia. Ed è a Padova che nel 1595 fu completato il primo teatro anatomico stabile al mondo, ancora perfettamente conservato al Palazzo del Bo. Eretti nel 1922 su progetto dell’architetto aretino Guido Fondelli in un’area adiacente all’Ospedale Giustinianeo, gli “Istituti Anatomici” furono pensati per proseguire quest’antica tradizione, con la creazione di un nuovo teatro anatomico (l’Aula Falloppio) e di spazi per la Biblioteca e i Laboratori.

Il murale

Realizzata con la tecnica del Tattoo Wall e sviluppata per circa 225 metri quadrati su tre rampe di scale e sul soffitto, la nuova opera di Milo Manara utilizza il linguaggio dell’arte figurativa per raccontare l’antica relazione tra l’Ateneo padovano e la scienza dell’anatomia, affondando le sue radici nel passato e accompagnando e proiettando i giovani anatomisti del futuro verso le nuove frontiere della ricerca. A legare le diverse immagini del murale è un “albero della vita” ispirato all’omonimo dipinto di inizio Novecento di Gustav Klimt. Proprio il nome del pittore viennese viene immediatamente in mente anche pensando ai suoi celebri e ormai perduti Quadri delle facoltà, il ciclo di dipinti che l’artista realizzò per decorare il soffitto dell’Università di Vienna, dedicati rispettivamente alla Filosofia, alla Medicina e alla Giurisprudenza.

Giovanni Battista Morgagni (1682- 1771), professore di anatomia è il fondatore della anatomia patologica contemporanea; Antonio Maria Valsalva (1666 – 1723) medico, anatomista e chirurgo, allievo prediletto di Marcello Malpighi e maestro del celebre Giovanni Battista Morgagni; Bartolomeo Eustachio (tra il 1500 e il 1510 – 1574), anatomista; Gabriele Falloppio (1523 – 1562), titolare della cattedre di anatomia, chirurgia e di botanica all’Università di Padova; Andrea Vesalio (1514-1564), fondatore dell’anatomia moderna, che per primo postula la necessità di una riscrittura complessiva della descrizione del corpo umano e delle sue parti realizzata attraverso la pratica assidua della dissezione di cadavere; Leonardo da Vinci (1452 - 1519) e Michelangelo Buonarroti (1475 – 1564) sono i personaggi storici rappresentati.

L’opera di Milo Manara è stata realizzata grazie al sostegno di Dipartimento di Neuroscienze, Protettorato al Patrimonio artistico, storico e culturale, Protettorato all’Edilizia, Protettorato alla Didattica, Area Edilizia e sicurezza dell’Università di Padova.

Le dichiarazioni

“Nella prima parete ho raffigurato in chiave allegorica la frase Hic est locus ubi mors gaudet succurrere vitae, meravigliosa dichiarazione che fin dall’ingresso dell’antico Teatro Anatomico di Palazzo del Bo ci ricorda che in quel luogo si studiava il corpo dei morti per imparare a guarire i vivi” spiega Milo Manara. “Nella seconda, ho preso spunto dal celebre frontespizio del De humani corporis fabrica di Andrea Vesalio, aggiungendo le figure di altri importanti scienziati che hanno insegnato a Padova nel corso dei secoli. La terza è invece dedicata ai nuovi medici e alle entusiasmanti possibilità della chirurgia moderna, a cominciare dal trapianto degli organi. Sono orizzonti che proiettano idealmente l’umanità verso un’ipotetica eternità, che ho metafisicamente illustrato sul soffitto: qui è riprodotta una volta stellata come quella della Cappella degli Scrovegni di Giotto, anche se attualizzata alla visione dei moderni telescopi, dove volano un Adamo e una Eva primordiali, a rappresentare il ciclico inizio della vita dopo la morte”.

“La decisione di affidare al maestro Milo Manara la realizzazione di questo murale è legata a due obiettivi principali. Il primo è rinsaldare e rilanciare quel dialogo tra ricerca scientifica, divulgazione dei saperi e linguaggi artistici che nei suoi otto secoli di storia l’Università di Padova ha sempre coltivato», dice il direttore del Dipartimento di Neuroscienze Raffaele De Caro. "Il secondo è di creare un’opera che si inserisce perfettamente nel contesto dell’anatomia moderna, una scienza che ha rivoluzionato lo studio della medicina e la formazione del medico, dove l’approfondita conoscenza del corpo umano grazie agli studi anatomici tramite dissezione ha costituito e costituisce la base imprescindibile dello sviluppo delle discipline mediche”.

Padova, un murale di Milo Manara per i 100 anni dell'Istituto di Anatomia Umana
Padova, un murale di Milo Manara per i 100 anni dell'Istituto di Anatomia Umana


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


MiC, concorso per 1052 assistenti: prove orali da remoto e con strumenti informatici. Rinviate al 31 gennaio
MiC, concorso per 1052 assistenti: prove orali da remoto e con strumenti informatici. Rinviate al 31 gennaio
Turin is MINE, il gioco gratuito per bambini e ragazzi per incontrarsi virtualmente a Torino
Turin is MINE, il gioco gratuito per bambini e ragazzi per incontrarsi virtualmente a Torino
Addio a Beverly Pepper, scompare a 97 anni la scultrice americana
Addio a Beverly Pepper, scompare a 97 anni la scultrice americana
Donati oltre 20 milioni di dollari al Musée d'Orsay: previsto notevole ampliamento degli spazi
Donati oltre 20 milioni di dollari al Musée d'Orsay: previsto notevole ampliamento degli spazi
A Kabul riapre dopo quattro mesi il Museo Nazionale dell'Afghanistan
A Kabul riapre dopo quattro mesi il Museo Nazionale dell'Afghanistan
La Germania aiuta artisti e gallerie comprando opere per la collezione pubblica
La Germania aiuta artisti e gallerie comprando opere per la collezione pubblica