Ecco il portale per entrare nei Palazzi dei Rolli di Genova. Parte dal 16 maggio la Rolli Days Digital Week


Dal 16 al 23 maggio si svolgerà la Rolli Days Digital Week, una settimana di approfondimenti online per scoprire i Palazzi dei Rolli di Genova.

Come avevamo anticipato in esclusiva alcuni giorni fa, per l’edizione di primavera 2020, i Rolli Days, la manifestazione che due volte l’anno apre le porte degli storici Palazzi dei Rolli di Genova, diventa digitale, e al contrario dell’edizione “fisica” che si svolge nell’arco di un weekend, la Rolli Days Digital Week (questo il nome dell’evento) durerà per un’intera settimana, dal 16 al 23 maggio. Ancora in anteprima vi sveliamo però il sito web su cui si svolgerà l’intero programma e che è raggiungibile all’indirizzo www.visitgenoa.it/rollidaysdigitalweek

Il portale, lanciato per l’occasione, sarà strutturato come un palinsesto televisivo: attraverso video inediti lanciati a partire dal 16 maggio (nel sito si trova già il calendario delle trasmissioni), i divulgatori scientifici che da sempre animano l’evento porteranno il pubblico alla scoperta di alcune delle sontuose residenze della nobiltà genovese d’un tempo, con tre novità assolute (Palazzo Spinola Pessagno, Palazzo Interiano Pallavicino e Palazzo Stefano Squarciafico, con il primo e il terzo che non possono essere normalmente aperti al pubblico: la possibilità di vederli in digitale è dunque unica) e sette “vecchie conoscenze” dell’evento, palazzi che solitamente fanno il pieno di visite e di apprezzamenti (Palazzo Rosso, Palazzo Ambrogio Di Negro, Palazzo Spinola Gambaro, Palazzo Angelo Giovanni Spinola, Palazzo Brignole Durazzo e Palazzo Tobia Pallavicino).

“I Palazzi dei Rolli”, spiega nel primo video introduttivo Giacomo Montanari, curatore scientifico dell’evento, “sono un sistema vero e proprio di residenze private che vengono messi al servizio della funzione pubblica e dell’ospitaggio. L’ospitaggio non è altro che l’accoglienza, un’accoglienza destinata alle delegazioni straniere che vengono in visita di Stato nella città di Genova, e ‘Rolli’ non significa altro che ‘ruoli’, cioè ‘elenchi’, un’elencazione, un’enumerazione di quei siti che per la loro qualità architettonica, e anche per il prestigio delle decorazioni pittoriche, delle collezioni artistiche che erano conservate al loro interno, erano ritenuti idonei a ricevere nelle loro stanze gli ambasciatori, i principi, i vescovi, i signori che provenivano da ogni angolo della terra. È un sistema davvero particolare, per non dire unico, che si rendevan ecessario dal momento che genova aveva una forma di governo del tutto particolare: era una repubblica il cui potere era depositato nelle mani di una potente aristocrazia, che peraltro faceva della speculazione finanziaria la chiave di un successo che era davvero di portata mondiale”.

Per tutta la settimana, l’appuntamento con i Palazzi dei Rolli proseguirà, fino a sabato 23 maggio, con video dedicati e approfondimenti che permetteranno a tutti di conoscere la complessa storia di questo sistema, e con qualche deviazione “golosa”, in collaborazione con Camera di Commercio e con il circuito “Genova Gourmet”, per scoprire anche le prelibatezze della cucina genovese tradizionale.

“I Palazzi dei Rolli”, commenta l’assessore alla cultura del Comune di Genova, Barbara Grosso, “raccontano la storia di Genova e delle persone che l’hanno portata ad essere regina del Mediterraneo, sono pertanto un tassello fondamentale per conoscere l’identità della Superba. In un momento come questo, dove siamo costretti a stare lontani gli uni dagli altri, la cultura ha ancora di più l’obbligo di essere un elemento di unione che, di fatto, la rende l’anima delle nostre società. In attesa di portare le persone dalle opere, proviamo a bussare alla porta di ciascuno, portando l’incontro con il nostro territorio nelle case delle persone. Questa edizione dei Rolli Days non vede nel digitale una necessità, ma intende sfruttarne le potenzialità per portare le persone laddove non si sarebbe potuti andare. È ferma la volontà di mantenere i punti forti dell’evento: qualità dei contenuti, che affondano sempre le radici nella ricerca scientifica; partecipazione dei giovani professionisti delle humanities come ambasciatori culturali della città; stretta collaborazione tra gli enti partecipanti. E stiamo preparando altre novità assolute, che verranno presto rivelate. Si tratterà di una settimana di Palazzi dei Rolli: non avremmo mai avuto le disponibilità per tenere aperti dieci (e più) palazzi per sette giorni. In questa occasione possiamo farlo e chiunque potrà visitarli accompagnato dai nostri divulgatori per sette giorni”.

A questo indirizzo potrete inoltre trovare un nostro articolo con un’approfondita storia dei Palazzi dei Rolli.

Nella foto: Palazzo Angelo Giovanni Spinola

Ecco il portale per entrare nei Palazzi dei Rolli di Genova. Parte dal 16 maggio la Rolli Days Digital Week
Ecco il portale per entrare nei Palazzi dei Rolli di Genova. Parte dal 16 maggio la Rolli Days Digital Week


Acquista il nostro libro Cronache dal mondo dell'arte 2020
Tutto il 2020 in un libro di 430 pagine con 60 fotografie a colori, in una selezione di 60 articoli scelti dalla redazione di Finestre sull'Arte.
CLICCA QUI
PER INFORMAZIONI



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER