Pompei: scoperta un'iscrizione che confermerebbe la data dell'eruzione


A Pompei un’iscrizione appena scoperta consentirebbe di spostare la data dell’eruzione del Vesuvio.

A Pompei è stata rinvenuta un’iscrizione che confermerebbe la tesi secondo la quale la distruttiva eruzione del Vesuvio non si verificò nell’agosto del 79, bensì nel mese di ottobre. Si tratta di un’iscrizione che riporta la data del sedicesimo giorno prima delle calende di novembre (corrispondente al 17 ottobre) ed è stata ritrovata in una casa che, all’epoca, stava subendo dei lavori di ristrutturazione. La data sostenuta da molti studiosi, il 24 agosto del 79, è supportata da una lettera di Plinio il Giovane a Tacito, in cui si legge la data nonum kal. septembres, ovvero il nono giorno prima delle calende di settembre (il 24 agosto). Della lettera esistono però altri manoscritti, nei quali si possono leggere varianti della data, che sposterebbero la data verso la fine di ottobre: queste ipotesi trovano dunque una nuova conferma nella data rinvenuta in questi giorni.

L’iscrizione, realizzata a carboncino, è stata scoperta nell’ambito degli scavi, tuttora in corso, della Regio V di Pompei. Il soprintendente Massimo Osanna ha spiegato che la data si trova nel contesto di una frase scherzosa e potrebbe essere opera di un operaio buontempone che l’avrebbe lasciata sul muro mentre erano in corso i lavori sull’abitazione. Si tratta, ha sottolineato il soprintendente, di una testimonianza straordinaria per fornire una datazione sicura per l’eruzione.

Nella foto: scavi alla Regio V di Pompei

Pompei: scoperta un'iscrizione che confermerebbe la data dell'eruzione
Pompei: scoperta un'iscrizione che confermerebbe la data dell'eruzione


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER