Oscar 2020, trionfo storico per Parasite, primo film in lingua non inglese a vincere come miglior film


Storica edizione dei Premi Oscar, dove a farla da padrona è il film Parasite di Bong Joon-ho: la pellicola coreana, già vincitrice della Palma d’Oro a Cannes, era il primo film coreano candidato al premio Oscar e ha vinto quattro statuette, tra cui quella per il miglior film (è il primo film in lingua non inglese a vincerla in tutta la storia degli Academy Awards). Per Parasite anche il premio di miglior regista a Bong Joon-ho, miglior sceneggiatura originale e miglior film internazionale. Il premio per il miglior attore protagonista va a Joaquín Phoenix per Joker (intepretazione per la quale aveva già vinto il Golden Globe, il BAFTA e lo Screen Actors Guild Award), mentre la miglior attrice protagonista è Renée Zellweger per Judy (anche per lei il ruolo le era già valso il Golden Globe, il BAFTA e lo Screen Actors Guild Award).

Migliori attori non protagonisti sono invece Brad Pitt per C’era una volta a... Hollywood e Laura Dern per Storia di un matrimonio, Toy Story 4 è il miglior film d’animazione, va a Roger Deakins per 1917 il premio per la migliore fotografia, Taika Waititi vince la miglior sceneggiatura non originale per Jojo Rabbit. E ancora, miglior scenografia a Barbara Ling e Nancy Haigh per C’era una volta a... Hollywood, miglior montaggio a Andrew Buckland e Michael McCusker per Le Mans ’66 - La grande sfida, miglior colonna sonora a Hildur Guðnadóttir per Joker, miglior canzone a (I’m Gonna) Love Me Again di Elton John e Bernie Taupin per Rocketman, migliori effetti speciali a Greg Butler, Dominic Tuohy e Guillaume Rocheron per 1917, miglior sonoro a Mark Taylor e Stuart Wilson per 1917, miglior montaggio sonoro a Donald Sylvester per Le Mans ’66 - La grande sfida, migliori costumi a Jacqueline Durran per Piccole donne, miglior trucco e acconciatura a Vivian Baker, Anne Morgan e Kazuhiro Tsuji per Bombshell - La voce dello scandalo.

Infine, il miglior documentario è Made in USA - Una fabbrica in Ohio di Steven Bognar e Julia Reichert, il miglior cortometraggio è The Neighbors’ Window di Marshall Curry, il miglior cortometraggio d’animazione è Hair Love di Bruce W. Smith, Matthew A. Cherry e Everett Downing Jr., e miglior cortometraggio documentario è Learning to Skateboard in a Warzone (If You’re a Girl) di Carol Dysinger.

Il film più premiato, con quattro statuette, è risultato Parasite, seguito da 1917 con tre premi e da Joker, C’era una volta a... Hollywood e Le Mans ’66 - La grande sfida con due Oscar ciascuno. Delusione per The Irishman, pluricandidato con dieci nomination (secondo solo a Joker che ne aveva undici): per il film di Martin Scorsese nessun premio.

Nella foto: Bong Joon-ho con uno dei suoi premi Oscar.

Oscar 2020, trionfo storico per Parasite, primo film in lingua non inglese a vincere come miglior film
Oscar 2020, trionfo storico per Parasite, primo film in lingua non inglese a vincere come miglior film


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma