Dal 15 gennaio quattro edifici negli Scavi di Ercolano saranno aperti stabilmente


Dal 15 gennaio saranno aperti stabilmente quattro edifici nell’area archeologica di Ercolano. Scoprite quali saranno.

Dal 15 gennaio, grazie alla presenza di sei nuovi addetti all’assistenza al pubblico e alla sorveglianza, quattro edifici del sito archeologico di Ercolano saranno stabilmente aperti. 

Questi sono la Casa dei Due Atri, la Casa del Bel Cortile, la Casa dell’Erma di Bronzo e la Casa dei Cervi.

A distinguersi tra esse, è la Casa del Bel Cortile, poiché da un cortile pavimentato con un bel mosaico si accede al piano superiore: è una costruzione differente dalle tipiche case dell’area.

La Casa dei Cervi deve il suo nome a due statue presenti nel giardino raffiguranti due cervi assaliti da un branco di cani.
La Casa dell’Erma di Bronzo è così denominata per un calco dell’erma, ovvero un ritratto su pilastro, in bronzo del padrone della dimora, mentre la Casa dei Due Atri per la presenza di due atri: uno di fronte all’ingresso, l’altro più all’interno con un impluvium.

Fonte: Il Mattino

Immagine

Dal 15 gennaio quattro edifici negli Scavi di Ercolano saranno aperti stabilmente
Dal 15 gennaio quattro edifici negli Scavi di Ercolano saranno aperti stabilmente


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER