La Ronda di Notte di Rembrandt come non la si è mai vista: online la foto più dettagliata di sempre


Il Rijksmuseum di Amsterdam ha pubblicato un’immagine della Ronda di notte di Rembrandt come mai la si era vista: è la foto a più alta definizione di sempre.

Il Rijksmuseum di Amsterdam ha pubblicato la più grande e dettagliata foto di sempre della Ronda di notte, il capolavoro del 1640-1642 di Rembrandt van Rijn (Leida, 1606 - Amsterdam, 1669): grazie a questa riproduzione ad altissima qualità è possibile vedere l’opera come non la si era mai vista prima in formato digitale, esplorando tutti i dettagli, nelle più minute pennellate, fino a vedere anche la composizione dei pigmenti. La fotografia è già disponibile online.

L’immagine è stata realizzata dal team di fotografi del Rijksmuseum ed è il risultato di un totale di 528 esposizioni: l’immagine è infatti una composizione di 24 righe di 22 immagini ciascuna, incollate digitalmente con l’aiuto delle più aggiornate tecnologie di elaborazione delle immagini. Il risultato finale è una fotografia di 44,8 gigapixel (ovvero 44.804.687.500 pixel), con una distanza tra un pixel e l’altro di 20 micrometri (ovvero 0,02 millimetri). Queste caratteristiche fanno sì che la foto possa essere studiata dagli storici dell’arte anche a distanza, e che possa essere monitorata per conoscere lo stato di conservazione.

Nel frattempo, sull’opera procedono le operazioni dell’importante restauro (il maggiore di sempre) sul capolavoro di Rembrandt: i lavori della prima fase (quella di analisi e studio) sono ricominciati lo scorso 13 maggio dopo due mesi d’interruzione, e gli studiosi possono lavorare in un museo vuoto a causa delle norme antivirus (anche se in realtà lo studio non si è mai interrotto: i ricercatori hanno infatti lavorato da casa analizzando i dati raccolti). Il cantiere di restauro è stato poi aggiornato per essere conforme agli standard di sicurezza medico-sanitaria imposti dall’Istituto Nazionale dei Paesi Bassi per la Sanità Pubblica e l’Ambiente: i ricercatori dovranno pertanto mantenersi tra loro a distanza di un metro e mezzo e non potranno esserci più di due persone al lavoro sull’opera contemporaneamente.

La seconda fase dell’intervento, ovvero il restauro del dipinto, è stato riprogrammato a causa della pandemia di Covid-19: l’inizio era previsto per la fine dell’estate del 2020, ma a causa del rallentamento dei lavori e della situazione sanitaria che non si è ancora del tutto risolta, è stato deciso di rinviare il tutto all’inizio del 2021.

Il restauro, lo studio e la realizzazione della fotografia ad altissima risoluzione sono stati possibili grazie al supporto dei donatori: il partner principale è AkzoNobel, e hanno contribuito diversi altri soggetti, ovvero The Bennink Foundation, C.L. de Carvalho-Heineken, PACCAR Foundation, Piet van der Slikke & Sandra Swelheim, American Express Foundation, famiglia De Rooij, Het AutoBinck Fonds, Segula Technologies, Dina & Kjell Johnsen, famiglia D. Ermia, famiglia M. van Poecke, Bruker Nano Analytics, Henry M. Holterman Fonds, Irma Theodora Fonds, Luca Fonds, Piek-den Hartog Fonds, Stichting Zabawas, Cevat Fonds, Johanna Kast-Michel Fonds, Marjorie & Jeffrey A. Rosen, Stichting Thurkowfonds e il Night Watch Fund. Il tutto col supporto del Ministero dell’Istruzione, della Cultura e della Scienza dei Paesi Bassi, della città di Amsterdam, di Founder Philips e dei main sponsor BankGiro Lottery, ING e KPN.

Nella foto: Rembrant, La ronda di notte (1640-1642; olio su tela, 363 x 437 cm; Amsterdam, Rijksmuseum)

La Ronda di Notte di Rembrandt come non la si è mai vista: online la foto più dettagliata di sempre
La Ronda di Notte di Rembrandt come non la si è mai vista: online la foto più dettagliata di sempre


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER