La Ronda di Notte di Rembrandt come non la si è mai vista: online la foto più dettagliata di sempre


Il Rijksmuseum di Amsterdam ha pubblicato un’immagine della Ronda di notte di Rembrandt come mai la si era vista: è la foto a più alta definizione di sempre.

Il Rijksmuseum di Amsterdam ha pubblicato la più grande e dettagliata foto di sempre della Ronda di notte, il capolavoro del 1640-1642 di Rembrandt van Rijn (Leida, 1606 - Amsterdam, 1669): grazie a questa riproduzione ad altissima qualità è possibile vedere l’opera come non la si era mai vista prima in formato digitale, esplorando tutti i dettagli, nelle più minute pennellate, fino a vedere anche la composizione dei pigmenti. La fotografia è già disponibile online.

L’immagine è stata realizzata dal team di fotografi del Rijksmuseum ed è il risultato di un totale di 528 esposizioni: l’immagine è infatti una composizione di 24 righe di 22 immagini ciascuna, incollate digitalmente con l’aiuto delle più aggiornate tecnologie di elaborazione delle immagini. Il risultato finale è una fotografia di 44,8 gigapixel (ovvero 44.804.687.500 pixel), con una distanza tra un pixel e l’altro di 20 micrometri (ovvero 0,02 millimetri). Queste caratteristiche fanno sì che la foto possa essere studiata dagli storici dell’arte anche a distanza, e che possa essere monitorata per conoscere lo stato di conservazione.

Nel frattempo, sull’opera procedono le operazioni dell’importante restauro (il maggiore di sempre) sul capolavoro di Rembrandt: i lavori della prima fase (quella di analisi e studio) sono ricominciati lo scorso 13 maggio dopo due mesi d’interruzione, e gli studiosi possono lavorare in un museo vuoto a causa delle norme antivirus (anche se in realtà lo studio non si è mai interrotto: i ricercatori hanno infatti lavorato da casa analizzando i dati raccolti). Il cantiere di restauro è stato poi aggiornato per essere conforme agli standard di sicurezza medico-sanitaria imposti dall’Istituto Nazionale dei Paesi Bassi per la Sanità Pubblica e l’Ambiente: i ricercatori dovranno pertanto mantenersi tra loro a distanza di un metro e mezzo e non potranno esserci più di due persone al lavoro sull’opera contemporaneamente.

La seconda fase dell’intervento, ovvero il restauro del dipinto, è stato riprogrammato a causa della pandemia di Covid-19: l’inizio era previsto per la fine dell’estate del 2020, ma a causa del rallentamento dei lavori e della situazione sanitaria che non si è ancora del tutto risolta, è stato deciso di rinviare il tutto all’inizio del 2021.

Il restauro, lo studio e la realizzazione della fotografia ad altissima risoluzione sono stati possibili grazie al supporto dei donatori: il partner principale è AkzoNobel, e hanno contribuito diversi altri soggetti, ovvero The Bennink Foundation, C.L. de Carvalho-Heineken, PACCAR Foundation, Piet van der Slikke & Sandra Swelheim, American Express Foundation, famiglia De Rooij, Het AutoBinck Fonds, Segula Technologies, Dina & Kjell Johnsen, famiglia D. Ermia, famiglia M. van Poecke, Bruker Nano Analytics, Henry M. Holterman Fonds, Irma Theodora Fonds, Luca Fonds, Piek-den Hartog Fonds, Stichting Zabawas, Cevat Fonds, Johanna Kast-Michel Fonds, Marjorie & Jeffrey A. Rosen, Stichting Thurkowfonds e il Night Watch Fund. Il tutto col supporto del Ministero dell’Istruzione, della Cultura e della Scienza dei Paesi Bassi, della città di Amsterdam, di Founder Philips e dei main sponsor BankGiro Lottery, ING e KPN.

Nella foto: Rembrant, La ronda di notte (1640-1642; olio su tela, 363 x 437 cm; Amsterdam, Rijksmuseum)

La Ronda di Notte di Rembrandt come non la si è mai vista: online la foto più dettagliata di sempre
La Ronda di Notte di Rembrandt come non la si è mai vista: online la foto più dettagliata di sempre


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma