Rinvenuta la testa del fuggiasco di Pompei: ricorda l'Urlo di Munch


Gli archeologi hanno ritrovato la testa del fuggiasco claudicante di Pompei: la bocca spalancata è straziante.

È stata ritrovata la testa del fuggiasco claudicante, il cui scheletro era stato scoperto negli scavi di Pompei un mese fa. Lo ha annunciato il direttore del Parco Archeologico di Pompei, Massimo Osanna.

La testa presenta la bocca spalancata in una sorta di Urlo di Munch e i denti ancora attaccati in gran parte. 

“Quella bocca così aperta ci dice che la sua morte deve essere stata addirittura più terribile di quello che già avevamo immaginato, perché adesso è chiaro che quel povero fuggiasco che si era attardato in strada quando ormai era troppo tardi per salvarsi, non è stato ucciso dallo choc termico, che almeno sarebbe stato istantaneo, è morto soffocato dalle polveri e dalla cenere” ha affermato Osanna.

Sia lo scheletro che la testa del fuggiasco saranno studiati in ogni minimo dettaglio  nel laboratorio specialistico di Pompei.

Il direttore è convinto che questa sia “solo l’inizio di una nuova era di scoperte”.

Fonte: Ansa

 

Rinvenuta la testa del fuggiasco di Pompei: ricorda l'Urlo di Munch
Rinvenuta la testa del fuggiasco di Pompei: ricorda l'Urlo di Munch


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER