Il Salvator Mundi di Leonardo che nessuno sa dov'è? Al centro di un piano per rendere l'Arabia una meta internazionale


Forse sappiamo dov’è finito il Salvator Mundi, l’opera attribuita a Leonardo da Vinci e passata in asta nel 2017 da Christie’s come l’opera più cara di sempre: del dipinto, sulla cui assegnazione non tutta la critica è d’accordo, si erano perse le tracce alcuni mesi fa: a rivelare cosa potrebbe accadere all’opera è il Wall Street Journal, secondo cui l’Arabia Saudita ha intenzione di costruire un museo d’arte occidentale nella capitale Riad per ospitare il dipinto, che al momento giacerebbe in un magazzino in attesa della concretizzazione del progetto.

Secondo il giornale che si occupa di finanza, il piano dei sauditi è quello di creare, in dieci anni, un grande polo artistico italiano che dovrebbe procurare ulteriori 27 miliardi di dollari annui all’economia. Il progetto, che secondo le indiscrezioni è stato ideato dal ministro della cultura Bader bin Abdullah bin Mohammed, dovrebbe essere guidato dall’italiano Stefano Carboni, già curatore al dipartimento di arti islamiche del Metropolitan di New York, e nominato amministratore della Commissione saudita per i musei. A confermare le intenzioni dei sauditi ci sarebbero i diversi acquisti di opere d’arte effettuati dal ministero della cultura saudita nelle aste internazionali.

Il Wall Street Journal cita fonti vicine al regime saudita: “il nuovo ministro della cultura del regno”, spiega l’articolo firmato da Kelly Crow, “pianifica di tenere l’opera in magazzino fino a che non sarà costruito un nuovo museo per svelarla, secondo persone informate sulla materia. I piani, tenuti segreti finora, fanno parte di una spinta multimiliardaria dei sauditi affinché il paese diventi una delle principali destinazioni artistiche internazionali: un obiettivo che finora non era stato rivelato”.

Nell’immagine, il Salvator Mundi attribuito a Leonardo da Vinci (1499 circa; olio su tavola; 65,6 x 45,4 cm; Collezione privata)

Il Salvator Mundi di Leonardo che nessuno sa dov'è? Al centro di un piano per rendere l'Arabia una meta internazionale
Il Salvator Mundi di Leonardo che nessuno sa dov'è? Al centro di un piano per rendere l'Arabia una meta internazionale


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER