Scoperte le più antiche pitture rupestri conosciute, furono i Neanderthal i primi “artisti”


Sono state scoperte in Spagna le più antiche pitture rupestri finora conosciute, che farebbero degli uomini di Neanderthal i primi ’artisti’ della storia.

Sono state scoperte, in alcune caverne in Spagna, le più antiche pitture rupestri conosciute, risalenti a 65.000 anni fa e dunque opera degli uomini di Neanderthal, che diventerebbero così i primi “artisti” della storia, ventimila anni prima della comparsa, in Europa, dell’homo sapiens, che finora era stato ritenuto il primo della storia a essersi espresso in modo creativo. Si tratta di alcuni segni rossi che rappresentano figure umane, animali e oggetti. La scoperta, fatta da un team di ricercatori inglesi, tedeschi e spagnoli di diverse università e istituti di ricerca, è illustrata nel numero di Science pubblicato ieri, venerdì 23 febbraio 2018. Per ottenere la datazione delle pitture, i ricercatori hanno utilizzato il metodo dell’uranio-torio, che consente di datare materiali fino a cinquecentomila anni fa: misurando la proporzione tra gli isotopi dell’uranio e quelli del torio accumulatisi nella calcite lungo i millenni è possibile giungere a un ottimo livello di approssimazione. E la datazione è resa possibile perché le pitture erano ricoperte d’incrostrazioni di calcite, accumulatesi su di esse in seguito alla loro esecuzione. Si tratta di una scoperta rivoluzionaria perché rimette in discussione le nostre conoscenze sulla storia dell’evoluzione umana e dimostra che i Neanderthal fossero molto più intelligenti di quanto si creda.

Già alcuni scienziati avevano ipotizzato che i Neanderthal fossero capaci di creare opere come quelle rinvenute, ma mancavano le prove: le recenti scoperte hanno dunque colmato questo gap conoscitivo e sembrerebbero confermare le ipotesi. Le pitture sono state rinvenute in tre siti diversi: a La Pasiega, nei pressi di Bilbao (datazione a 64.800 anni fa: i segni raffigurano una scala e alcuni animali), ad Ardales, vicino a Malaga (65.500 anni fa: è stata rinvenuta la figura di una mano umana), a Maltravieso vicino al confine col Portogallo (66.700 anni fa: qui si trovano alcune stalattiti e stalagmiti dipinte di rosso). Inoltre sono state trovate anche alcune conchiglie dipinte di rosso e forate (probabilmente per farne gioielli) nella grotta di Aviones, vicino a Cartagena: in questo caso si tratterebbe di lavori risalenti addirittura a 115.000 anni fa, ventimila anni prima dei primi monili realizzati dagli homo sapiens in Africa.

Non abbiamo ancora idea del significato di queste pitture, ha dichiarato uno dei ricercatori, Dirk Hoffmann del Max Planck Institute. Quel che è certo, è che queste pitture rappresentano la prova che i Neanderthal avessero capacità cognitive non così lontane da quelle degli uomini moderni: andrà pertanto rivalutata la nostra considerazione su questa specie, la cui intelligenza non ha mai goduto di grande fortuna nell’immaginario collettivo. Per João Zilhão, un altro dei ricercatori coinvolti nello studio, le nuove scoperte chiudono definitivamente la discussione: i Neanderthal non sarebbero stati meno intelligenti rispetto all’homo sapiens e sarebbero stati semplicemente una diversa specie di essere umano, che si sarebbe poi estinta. Tuttavia altri scienziati hanno affermato che è ancora necessario essere prudenti con affermazioni di questo tipo. Occorre infatti registrare la presenza di scettici: tra questi, Adam Brumm della Griffith University di Brisbane, che ha dichiarato al Guardian che è possibile che i Neanderthal fossero in grado di realizzare opere d’arte, ma che la scoperta avvenuta in Spagna non sia in grado di dimostrarlo con certezza, perché i ricercatori potrebbero aver eseguito la datazione all’uranio-torio su frammenti di calcite che non coprivano i dipinti, ma che fossero semplicemente parte del supporto. Molti comunque hanno accolto con favore la scoperta pubblicata su Science.

Nell’immagine, le pitture scoperte a La Pasiega. Ph. Credit P. Saura / Max Planck Institute for evolutionary anthropology

Scoperte le più antiche pitture rupestri conosciute, furono i Neanderthal i primi “artisti”
Scoperte le più antiche pitture rupestri conosciute, furono i Neanderthal i primi “artisti”


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER