Eccezionale ritrovamento “erotico” a Pompei, riemerge affresco con Leda e il cigno


Dagli scavi della Regio V a Pompei emerge un eccezionale ritrovamento: un affresco con Leda e il Cigno.

Gli scavi in corso nella Regio V a Pompei continuano a regalare gradevoli sorprese: dopo scoperte come lo scheletro d’uomo, l’iscrizione con la data dell’ottobre del 79 d.C., l’affresco di Priapo e la Domus dei Delfini, negli ultimi giorni è riemerso un affresco a soggetto erotico raffigurante una Leda e il cigno, raffigurazione del racconto mitologico nel quale Zeus, tramutatosi in cigno, scese tra i mortali per unirsi a Leda, moglie di Tindaro re di Sparta. Dal doppio amplesso, prima con Zeus e poi con Tindaro, sarebbero nati, fuoriuscendo da uova, i gemelli Castore e Polluce (i Dioscuri), Elena (futura moglie di Menelao re di Sparta e causa della guerra di Troia) e Clitennestra, poi sposa (e assassina) di Agamennone, re di Argo e fratello di Menelao. L’affresco è stato scoperto durante i lavori di stabilizzazione e riprofilamento dei fronti di scavo, in un cubicolo (ovvero una stanza da letto) di una casa lungo via del Vesuvio.

L’ambiente che conserva il dipinto è posto accanto a corridoio di ingresso dove già era stato individuato il sopra menzionato affresco di Priapo, simile a quello della vicina Casa dei Vettii. A Pompei l’episodio di Leda e il Cigno gode di una certa popolarità, poiché è attestato in varie domus, con diverse iconografie (la donna è in genere stante, e non seduta come nel nuovo affresco, e in alcuni casi non è raffigurato il momento del congiungimento carnale). Tra le varie rappresentazioni si ricordano quelle del Citarista, della Venere in conchiglia, della Regina Margherita, di Meleagro, dei Capitelli Colorati o di Arianna, della Caccia Antica, di Fabio Rufo, della Fontana d’Amore, e forse anche nelle case di L. Rapinasius Optatus e degli Amorini Dorati. Il mito di Leda e il cigno compare anche in affreschi staccati da Ercolano e da Villa Arianna a Stabia, oggi al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, e, a conferma della popolarità del soggetto, su uno specchio d’argento del tesoro di Boscoreale oggi al Louvre.

Nella foto: l’affresco ritrovato. Ph. Credit Cesare Abbate

Eccezionale ritrovamento “erotico” a Pompei, riemerge affresco con Leda e il cigno
Eccezionale ritrovamento “erotico” a Pompei, riemerge affresco con Leda e il cigno


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Scoperto un dipinto di Artemisia Gentileschi nascosto sotto la sua Caterina d'Alessandria
Scoperto un dipinto di Artemisia Gentileschi nascosto sotto la sua Caterina d'Alessandria
A Paestum scoperto un frammento di una scultura arcaica nel santuario di Atena
A Paestum scoperto un frammento di una scultura arcaica nel santuario di Atena
Gli affreschi della Cappella della Crocetta di Savona sono in stato disastroso
Gli affreschi della Cappella della Crocetta di Savona sono in stato disastroso
Macron presta l'arazzo di Bayeux al Regno Unito: l'opera potrebbe lasciare la Francia per la prima volta dopo 950 anni
Macron presta l'arazzo di Bayeux al Regno Unito: l'opera potrebbe lasciare la Francia per la prima volta dopo 950 anni
Record per il Salvator Mundi: venduto a 450 milioni di dollari, è l'opera più costosa della storia
Record per il Salvator Mundi: venduto a 450 milioni di dollari, è l'opera più costosa della storia
Prima edizione di Aria di masseria: cultura ed enogastronomia nelle masserie didattiche pugliesi
Prima edizione di Aria di masseria: cultura ed enogastronomia nelle masserie didattiche pugliesi