Sicilia, Samoną chiederą lo stop del prestito degli Argenti di Morgantina agli USA


Dopo che Finestre sull'Arte nei giorni scorsi ha richiamato l'attenzione sulla fragilità degli Argenti di Morgantina, l’assessore ai beni culturali della Sicilia Alberto Samonà ha scritto al ministro Franceschini per valutare la possibilità di fermare il prestito.

La Sicilia intende chiedere una revisione degli accordi con il Metropolitan Museum di New York sugli Argenti di Morgantina. Lo ha dichiarato l’assessore regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà, pochi giorni dopo che Finestre sull’Arte ha richiamato l’attenzione sul problema con un articolo di Silvia Mazza, in cui si metteva in relazione il recente prestito alla Grecia del Frammento di Palermo con l’accordo che regola la possibilità di esporre il prezioso (e fragile) tesoro di argenti che, in base al patto stipulato col Met, dev’essere esposto quattro anni in America e quattro al Museo Archeologico di Aidone, in modo alternato. Tuttavia, le analisi diagnostiche condotte nell’estate del 2014 hanno accertato la fragilità e lo stato di conservazione precario dei reperti, che suggerirebbe dunque una revisione dell’accordo.

È quanto adesso intende fare Samonà, che ha fatto sapere di aver scritto nei giorni scorsi al ministro della cultura Dario Franceschini per sottolineare “la necessità di modificare l’accordo in base al quale gli argenti (rientrati l’ultima volta al Museo archeologico di Aidone nel 2020) ogni 4 anni sono concessi in prestito al Metropolitan Museum”. Nella richiesta, Samonà ha anche spiegato che l’amministrazione siciliana dei beni culturali ha avviato col Metropolitan Museum un’interlocuzione finalizzata a una collaborazione che preveda, tra gli altri obiettivi, anche la modifica dell’accordo, che risale al 2006. Da New York pare ci siano aperture.

Come potrebbe essere modificato l’accordo? Secondo Samonà la soluzione potrebbe essere quella di prestare ogni quattro anni non più gli argenti di Morgantina, ma opere meno delicate. Nello specifico “altri reperti archeologici”, spiega Samonà, “appositamente individuati dai diversi musei della Regione Siciliana nell’ambito di un più ampio accordo di collaborazione fra la Sicilia e il Museo newyorkese, che porti (fra l’altro) ad iniziative comuni che possano costituire per gli eventuali beni selezionati una vetrina di vasta risonanza internazionale”.

“È evidente”, conclude l’assessore Samonà, “che il naturale luogo per la conservazione e valorizzazione degli Argenti di Morgantina è la Sicilia e, in particolare, il Museo archeologico di Aidone, unica struttura che ne consente la dovuta contestualizzazione e la corretta interpretazione culturale. L’ipotesi alternativa alla loro continua movimentazione va nella direzione, già perseguita dalla Regione Siciliana, di attivare proficue collaborazioni con prestigiose istituzioni culturali internazionali, nell’ottica di una politica di ampio respiro che preveda iniziative da organizzare insieme che andrebbero ad evidente vantaggio della nostra Isola”.

Nella foto: gli argenti di Morgantina

Sicilia, Samoną chiederą lo stop del prestito degli Argenti di Morgantina agli USA
Sicilia, Samoną chiederą lo stop del prestito degli Argenti di Morgantina agli USA


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Crotone, i cittadini denunciano i gravi problemi del Museo Archeologico Nazionale
Crotone, i cittadini denunciano i gravi problemi del Museo Archeologico Nazionale
Gli USA restituiscono all'Italia uno skyphos attico acquistato dal Toledo Museum of Art nel 1982
Gli USA restituiscono all'Italia uno skyphos attico acquistato dal Toledo Museum of Art nel 1982
L'Italia sarą rappresentata all'Expo di Dubai da una riproduzione tecnologica del David
L'Italia sarą rappresentata all'Expo di Dubai da una riproduzione tecnologica del David
Il direttore del MuMe di Messina: “Non possiamo far entrare visitatori con mascherina. Sģ ai biglietti con sensori”
Il direttore del MuMe di Messina: “Non possiamo far entrare visitatori con mascherina. Sģ ai biglietti con sensori”
La Francia potrebbe riaprire la cultura dal 15 dicembre, in base a come andranno le cose
La Francia potrebbe riaprire la cultura dal 15 dicembre, in base a come andranno le cose
Domani manifestazione Black Lives Matter ai Mori di Livorno, si teme per il capolavoro: sarą il caso di proteggerlo?
Domani manifestazione Black Lives Matter ai Mori di Livorno, si teme per il capolavoro: sarą il caso di proteggerlo?