Tivoli, la Soprintendenza boccia la discarica vicino a Villa Adriana


Tivoli, la Soprintendenza di Roma boccia definitivamente la discarica nei pressi di Villa Adriana.

La Soprintendenza Speciale di Roma ha bocciato definitivamente l’ipotesi di una discarica a Tivoli, nei pressi di Villa Adriana: non ci sarebbero infatti le condizioni per il rinnovo delle autorizzazioni chieste dalla Daf srl, la società che avrebbe dovuto gestire l’impianto, e rilasciate nel maggio del 2008. All’epoca alla società era stato concesso di utilizzare la cava di Corcolle, vicino a Villa Adriana, come discarica per i rifiuti inerti provenienti dagli scavi per la realizzazione della metro B di Roma, con l’obbligo di riqualificazione paesaggistica della zona.

Sono però venuti meno i presupposti nel 2008. Per i tecnici della Soprintendenza, “la questione della legittimità della cava preesistente non può considerarsi superata: perché il danno permanente causato dalla perdita di beni archeologici ha generato un’interruzione di un contesto di riconosciuto pregio per la densità delle stratificazioni, che testimonia un singolare connubio tra natura e manufatti di epoche diverse dell’antichità e della storia”. Inoltre, sempre secondo la Soprintendenza, non è stato presentato un rilievo accurato dello stato di fatto dell’impianto con una relazione sui rischi ambientali, e ancora le autorizzazioni del 2008 si appellavano a un regime di emergenza che adesso non esiste più.

Nella foto, Villa Adriana. Ph. Credit

Tivoli, la Soprintendenza boccia la discarica vicino a Villa Adriana
Tivoli, la Soprintendenza boccia la discarica vicino a Villa Adriana


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER