Ucraina, la comunità internazionale dei musei condanna l'invasione russa


La comunità internazionale dei musei prende posizione contro l’invasione russa dell’Ucraina e chiede il cessate il fuoco. Preoccupazioni per il patrimonio culturale del paese. 

La comunità internazionale dei musei si schiera al fianco dei professionisti museali che lavorano in Ucraina. Hanno preso posizione tutte le principali sigle. L’ICOM - International Council of Museums ha espresso il 24 febbraio la propria ferma condanna per “questa violazione dell’integrità territoriale e della sovranità dell’Ucraina”. L’ICOM si dichiara “particolarmente preoccupata per i rischi che corrono i professionisti dei musei e per le minacce al patrimonio culturale a causa di questo conflitto armato. L’ICOM si aspetta che entrambi i paesi, in quanto Stati Parte della Convenzione dell’Aia del 1954 per la protezione dei beni culturali in caso di conflitto armato e del suo Primo Protocollo , rispettino i loro obblighi legali internazionali per la protezione del patrimonio”. Questo conflitto, prosegue l’ICOM, “è già profondamente angosciante e rischia di provocare un’inaccettabile perdita di vite umane, pertanto l’ICOM chiede un rapido cessate il fuoco, una mediazione immediata tra i belligeranti e sforzi coordinati per garantire la sicurezza del museo personale e proteggere il patrimonio culturale. In tempi di conflitto e di incertezza come questi, l’ICOM deve anche esprimere la sua profonda preoccupazione per le implicazioni che questa incertezza avrà sulla sicurezza dei membri dell’ICOM, del personale del museo e del patrimonio culturale in Ucraina”.

L’ICOM consiglia inoltre “a tutti i suoi membri di richiamare i propri obblighi professionali ai sensi del Codice etico ICOM per i musei al fine di preservare, mantenere e promuovere il patrimonio e garantire che i loro musei e collezioni siano protetti contro ogni tipo di rischio, anche in caso di conflitto”. ICOM informa tutte le parti interessate che ci sono molti strumenti online gratuiti e accessibili che possono aiutare in crisi come questa tra cui la guida dell’ICOM e dell’UNESCO per la sicurezza dei musei e la preparazione ai disastri, Museums Security and Disaster Preparedness in Running a Museum: Practice Handbook, il Pronto Soccorso dell’ICCROM al patrimonio culturale in tempi di crisi e il documento di UNESCO e ICCROM per l’evacuazione delle collezioni in casi di emergenza.

ICOM invita inoltre “i membri della società civile a rivolgersi ai loro musei locali per assisterli, se possibile, con i modi e i mezzi per proteggere i loro edifici e collezioni. In quanto importanti centri di educazione, studio e divertimento nelle comunità locali, è importante che i musei (punti di riferimento cruciali per le comunità locali) siano supportati dalle loro comunità locali”. Infine, secondo l’ICOM la crisi “offrirà un’opportunità a individui senza scrupoli di trarre profitto dalle minacce al patrimonio. L’ICOM avverte tutte le parti interessate di vigilare sul potenziale aumento del contrabbando di materiale culturale proveniente dalla regione e l’ICOM ricorda a tutti i governi nazionali della regione i loro obblighi legali internazionali di proteggere il patrimonio culturale mobile ai sensi della Convenzione dell’UNESCO del 1970 sui mezzi di Proibizione e prevenzione dell’importazione, dell’esportazione e del trasferimento illeciti di proprietà di beni culturali e della Convenzione UNIDROIT del 1995 sugli oggetti culturali rubati o esportati illegalmente, per non parlare delle altre convenzioni culturali internazionali per la protezione del patrimonio culturale comune delle discipline umanistiche”. L’ICOM conclude assicurando di essere al lavoro “con i suoi partner internazionali e le parti interessate nella regione e sta monitorando la situazione mentre si evolve. ICOM continuerà a offrire tutto il supporto possibile per alleviare eventuali minacce che il patrimonio dell’Ucraina potrebbe dover affrontare nei giorni e nelle settimane incerti a venire”.

Il CIMAM, il Comitato Internazionale dei Musei d’Arte Moderna e Contemporanea, invia un messaggio di sostegno ai professionisti museali dell’Ucraina, il Museum Watch Committee del CIMAM esprime “la propria assoluta condanna per l’invasione dell’Ucraina da parte delle forze militari dell’attuale regime russo, solidarietà con tutto il popolo ucraino e profonda preoccupazione per il benessere dei nostri colleghi del CIMAM in Ucraina in questo momento terribile. CIMAM rappresenta una comunità globale di professionisti delle arti e dei musei e ci rivolgiamo attivamente ai nostri colleghi in Ucraina per offrire supporto mentre affrontano sfide senza precedenti non solo per garantire la propria sicurezza personale e quella delle loro famiglie e amici, ma anche salvaguardare il futuro di le collezioni e le istituzioni di cui sono responsabili”. Il Museum Watch Committee del CIMAM “sta indagando sui bisogni immediati dei nostri colleghi e sui modi in cui possiamo aiutare. Oggi ha contattato i membri del CIMAM in Ucraina per offrire qualsiasi supporto pratico che possa essere di loro aiuto in questo momento critico e chiediamo a tutti i membri del CIMAM di considerare attivamente i modi in cui possono agire per mostrare la loro solidarietà con i nostri colleghi”. Il riconoscimento dell’importanza del lavoro dei musei d’arte moderna e contemporanea nella costruzione di una società più pacifica e sicura, conclude il comitato, “è centrale per la missione principale del CIMAM e, attraverso le sue attività, il CIMAM sostiene attivamente le reti globali che promuovono la comprensione e la connettività culturale e l’articolazione di solidarietà in tempo di crisi. È fondamentale attivare ora queste reti per supportare tutti i nostri colleghi in Ucraina e nei paesi limitrofi colpiti da questi eventi devastanti”.

Infine, l’ICOMOS - International Council on Monuments and Sites ha pubblicato una nota in cui afferma di deplorare “le vite già perse e minacciate dal deterioramento della situazione nel territorio ucraino”. L’ICOMOS, inoltre, “teme anche che gravi minacce pesino sul patrimonio dell’Ucraina. In quanto una delle principali organizzazioni nel campo del patrimonio e organo consultivo del Comitato del Patrimonio Mondiale, ricorda a tutti i soggetti coinvolti l’estrema fragilità del patrimonio culturale durante i conflitti armati, anche a danni non intenzionali, e gli impegni di cura che hanno assunto nell’ambito del Convenzioni culturali dell’UNESCO, in particolare la Convenzione dell’Aia del 1954 e i suoi due Protocolli, la Convenzione del patrimonio mondiale del 1972 e la Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale del 2003, e il loro dovere assoluto di fare tutto quanto in loro potere per preservare tutto il patrimonio, in tutto suoi componenti e strati, da danni. ICOMOS è a disposizione dei suoi colleghi e delle autorità in Ucraina per qualsiasi supporto o consiglio che potrebbe essere in grado di fornire nella salvaguardia del patrimonio culturale o nelle misure di preparazione al rischio”.

Immagine: Kiev, il monastero di San Michele

Ucraina, la comunità internazionale dei musei condanna l'invasione russa
Ucraina, la comunità internazionale dei musei condanna l'invasione russa


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Inghilterra, cacciatori di fantasmi vandalizzano il Castello di Codnor, monumento storico
Inghilterra, cacciatori di fantasmi vandalizzano il Castello di Codnor, monumento storico
Chiari è Capitale Italiana del Libro 2020. Franceschini: “Sosteniamo la microeditoria”
Chiari è Capitale Italiana del Libro 2020. Franceschini: “Sosteniamo la microeditoria”
MiBACT, Marino Sinibaldi è il nuovo presidente del Centro per il Libro
MiBACT, Marino Sinibaldi è il nuovo presidente del Centro per il Libro
L'Italia aiuterà il Museo Nazionale di Rio de Janeiro a ripartire. In arrivo in Brasile prestiti da Napoli ed Ercolano
L'Italia aiuterà il Museo Nazionale di Rio de Janeiro a ripartire. In arrivo in Brasile prestiti da Napoli ed Ercolano
Venduto all'asta da Sotheby's il primo autoritratto di Frida Kahlo da record
Venduto all'asta da Sotheby's il primo autoritratto di Frida Kahlo da record
È ufficiale: riaprono i musei nei giorni festivi, i cinema e i teatri
È ufficiale: riaprono i musei nei giorni festivi, i cinema e i teatri