USA, demolita casa di Marcel Breuer, grande architetto del Bauhaus. “Perdita devastante”


Alle porte di New York è stata demolita Geller House I, la prima casa binucleare progettata da Marcel Breuer, grande architetto del Bauhaus. Era un capolavoro: secondo gli esperti si tratta di una “perdita devastante”.

Brutte notizie dagli Stati Uniti: a Lawrence, sobborgo di New York a poca distanza da Brooklyn e all’inizio di Long Island, è stata demolita la Geller House I, influente opera architettonica di Marcel Breuer (Pécs, 1902 - New York, 1981), grande architetto ungherese del Bauhaus trasferitosi in America dopo l’ascesa del nazismo. A riportare la notizia sono diverse fonti tra cui il New York Times. La demolizione è stata decisa dagli attuali proprietari dell’edificio, nonostante molti si siano spesi per preservarlo. Secondo gli storici dell’architettura, spiega il New York Times, la distruzione di Geller House I risponde a logiche di mercato e dimostra come leggi sulla tutela troppo blande mettano a rischio l’architettura modernista.

L’edificio fu commissionato a Breuer nel novembre 1944 da Bertram e Phyllis Geller. Si trattava del primo esempio di casa binucleare progettata da Breuer: le case binucleari, un concetto di sua invenzione, erano costruzioni che superavano le tradizionali convenzioni dell’architettura separando fisicamente, con l’inserimento di un cortile o di un androne invece che disponendole su due piani, le stanze “pubbliche” della casa (come i salotti) da quelle “private” (le camere da letto). L’esterno presentava rivestimenti in cedro, ed era alleggerito da grandi finestroni che dal pavimento giungevano al soffitto. Un lungo e sottile rettangolo conteneva il soggiorno e la sala da pranzo, insieme alla cucina, al ripostiglio e alla stanza di servizio. La seconda ala ospitava le camere da letto e le sale destinate ai giochi dei tre bambini dei Geller. Un grande androne aperto su di un portico collegava i due volumi. Breuer progettò anche i mobili per la casa: aveva creato armadi, tavoli e tre tipi di sedie eseguite su misura per i Geller, ovvero una poltrona, una sedia da pranzo e una sedia impilabile. All’interno si trovava poi anche un dipinto site-specific di Jackson Pollock, in seguito venduto e oggi conservato al Museo d’Arte Contemporanea di Teheran in Iran.

Geller House I
Geller House I
Geller House I demolita. Foto della città di Hempstead pubblicata da Dezeen
Geller House I demolita. Foto della città di Hempstead pubblicata da Dezeen

Geller House I era diventata un modello molto influente per le avanguardie del tempo. Di conseguenza tutti gli storici (e non solo) lamentano la grave perdita causata dalla demolizione. Tra i primi a scrivere del caso figura Liz Waytkus, direttrice esecutiva della sezione statunitense di Docomomo, associazione internazionale dedicata allo studio e alla tutela delle architetture moderne, che si era già attivata per salvare l’immobile (Waytkus peraltro è stata la prima a dare la notizia della demolizione). “Quando le persone pensano al modernismo, pensano a qualcosa di nuovo e contemporaneo”, ha detto. “Ma la casa aveva più di 75 anni. C’è un gran bisogno di istruzione, per fare in modo che le persone siano più consapevoli di questa storia. L’architettura modernista è in pericolo”.

Waytkus, in un articolo sul sito di Docomomo, ha anche spiegato l’importanza di Geller House I: “prima casa costruita dopo la sua collaborazione con Walter Gropius, il successo di Geller I ha contribuito a stabilire la reputazione di Breuer come designer indipendente e ha spinto il passaggio del suo ufficio da Cambridge a New York. Ha generato una marea di incarichi da parte di famiglie in cerca di ciò che la rivista House & Garden chiamava la ’odierna casa del domani’”. Parlando con la testata Dezeen, Waytkus ha affermato che si tratta di una “perdita devastante: le case private sono difficili da salvare ma questa è di gran lunga la perdita più significativa della storia recente. La casa non era solo una tra le tante progettate da Marcel Breuer: era davvero la prima del suo genere, che mescolava idee americane, materiali e la stessa educazione dell’autore avvenuta in Ungheria. Semplicemente non ci si aspetta che una casa di Breuer venga distrutta, e di certo non per un campo da tennis”.

Dezeen ha infatti rivelato che la demolizione è stata decisa perché i proprietari volevano unire due appezzamenti di terreno e creare una casa più grande, con un campo da tennis che sorgerà sul sito di Geller House I. Adesso rimane solo lo sconforto, e la grande frustrazione che deriva dal sapere che un edificio di tale importanza è andato perduto per sempre. Adesso Docomomo si sta attivando per salvare Geller House II, l’altro edificio progettato per la famiglia, terminato nel 1969 e situato a poca distanza da Geller House I.


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Scoperto il disegno preparatorio sotto la Ronda di notte, capolavoro di Rembrandt
Scoperto il disegno preparatorio sotto la Ronda di notte, capolavoro di Rembrandt
Riapre il Giardino di Villa Aurea di Sir Hardcastle, il capitano inglese che fece rinascere la Valle dei Templi
Riapre il Giardino di Villa Aurea di Sir Hardcastle, il capitano inglese che fece rinascere la Valle dei Templi
Visitabile a Firenze il Memoriale italiano di Auschwitz
Visitabile a Firenze il Memoriale italiano di Auschwitz
La mostra più visitata di tutti i tempi in Francia è quella dedicata a Tutankhamon e ai suoi tesori
La mostra più visitata di tutti i tempi in Francia è quella dedicata a Tutankhamon e ai suoi tesori
Cinema e teatri, artisti e lavoratori lanciano una petizione per chiedere di non chiuderli
Cinema e teatri, artisti e lavoratori lanciano una petizione per chiedere di non chiuderli
Il ministro dei beni culturali istituisce gli elenchi dei professionisti dei beni culturali
Il ministro dei beni culturali istituisce gli elenchi dei professionisti dei beni culturali